Lunedì 18 Gennaio 2021 | 09:26

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Manfredonia, il vaccino non c'è: cittadini in ansia

Manfredonia, il vaccino non c'è: cittadini in ansia

 
PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Sequestrata per truffa fabbrica potentina

L'azienda è specializzata nella produzione di chiodi e attrezzature per l'edilizia, sono state trovate fatture per operazioni in tutto o in parte inesistenti
SAVOIA DI LUCANIA (POTENZA) - Una fabbrica specializzata nella produzione di chiodi e attrezzature per l'edilizia - del valore di circa un milione di euro, compresi i macchinari - è stata posto sotto sequestro dalla Guardia di Finanza, a Savoia di Lucania (Potenza), nell'ambito di un'inchiesta su una truffa ai danni dell'Unione europea e dello Stato italiano.
Le fiamme gialle hanno eseguito un decreto emesso dal gip presso il Tribunale di Potenza, Rocco Pavese, su richiesta della Procura della Repubblica. Lo stabilimento fu realizzato con fondi resi disponibili nell'ambito del Pop 1994-1999, previsto dai bilanci comunitario e nazionale.
Gli investigatori della Guardia di Finanza, però, hanno rilevato diverse anomalie negli atti depositati alla Regione Basilicata per ottenere i contributi. La prima riguardava la fornitura dei macchinari per l'attività industriale, che sono stati acquistati e fatturati a parte (con relativo rimborso a carico del bilancio statale), mentre il contratto era del tipo «chiavi in mano»; inoltre, sono state trovate fatture per operazioni in tutto o in parte inesistenti ed è stato individuato un imprenditore «completamente sconosciuto al fisco». Infine, il titolare dell'investimento non ha rispettato l'impegno di assumere i dipendenti indicati, percependo comunque i contributi previsti: tale aspetto è considerato «di per sè un'azione distorsiva» nel sistema di concessione dei finanziamenti.
Nell'inchiesta sono indagati il titolare della fabbrica ed altre persone, che hanno emesso le fatture inesistenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie