Sabato 16 Gennaio 2021 | 18:55

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
NewsweekLa novità
Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

 
LecceIl caso
L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

i più letti

Basilicata - In bilico sorte di co.co.co

Sono bloccate le trattative tra sindacati e dipartimento regionale del Lavoro per la situazione lavorativa precaria di 400 dipendenti • Melfi - Produzione Fiat ferma sino a lunedì
POTENZA - «L'incontro tenutosi giovedì presso il dipartimento regionale al Lavoro, più volte sollecitato dal sindacato fin dallo scorso mese di febbraio, contrariamente alle attese, non ha sortito alcun elemento di novità in merito alla interruzione dei contratti collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co) avvenuta in molti enti locali già dal 30 giugno scorso». Lo hanno detto, in una dichiarazione congiunta, le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil.
Secondo i sindacati, «contrariamente a quanto sostenuto dalle amministrazioni locali e da alcuni esponenti politici la norma non limita affatto a 60 mesi la durata dei co.co.co in questione, bensì è servita a oltrepassare le obbligatorie procedure di evidenza pubblica per l'affidamento dei servizi da parte degli enti locali alle imprese che impiegavano ex lsu per una durata che non fosse superiore ai 60 mesi. In soldoni, secondo una corretta interpretazione della norma, la prosecuzione delle attività oltre il termine dei 60 mesi oggi è possibile non solo espletando le normali procedure di appalto, con l'obbligo di assunzione dei lavoratori ex lsu, ma anche prorogando la scadenza contrattuale, così come è avvenuto al comune di Potenza e in altri comuni che hanno correttamente operato in tal senso».
Per Cgil, Cisl e Uil, «questo rappresenterebbe solo una temporanea soluzione del problema perchè dopo cinque anni di collaborazioni e mediamente dieci di lavori socialmente utili questi lavoratori - circa 400 in tutta la regione - hanno maturato il diritto ad uscire dalla precarietà e a rivendicare un lavoro regolare e stabile».
I sindacati, inoltre, hanno ricordato che «molte amministrazioni hanno potuto garantire la regolarità ed il corretto funzionamento di servizi pubblici essenziali solo grazie al lavoro di questi cococo che hanno compensato di fatto le carenze delle piante organiche impoverite dal blocco delle assunzioni nella pubblica amministrazione negli ultimi cinque anni». Le organizzazioni sindacali ritengono «fondamentale individuare una soluzione definitiva alla questione e pertanto si sono attivate per richiedere un incontro urgente al ministro del Lavoro, Cesare Damiano, affinchè - hanno concluso - venga attivata una misura di stabilizzazione occupazionale con un provvedimento da inserire nella prossima legge finanziaria che consenta l'immissione nei ruoli degli enti locali di molti lavoratori che hanno maturato professionalità e che altrimenti sarebbero lasciati senza alcun reddito e con prospettive occupazionali nulle».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie