Sabato 16 Gennaio 2021 | 04:43

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Riesame: l'inchiesta resta a Potenza

Il collegio ha confermato i «gravi indizi» e ha mantenuto a Potenza le indagini sull'associazione per delinquere. Poi ha deciso su competenza per stralci e arresti domiciliari
POTENZA - Il Tribunale del riesame di Potenza ha preso le due decisioni relativamente all'inchiesta, coordinata dal pm Henry John Woodcock, e che ha coinvolto anche l'erede dei Savoia. Innanzitutto va segnalato che il collegio ha confermato i «gravi indizi» e ha mantenuto a Potenza le indagini sull'associazione per delinquere.
Poi ha deciso la remissione in libertà di Giuseppe Rizzani, l'intermediario di quella che viene considerata dagli inquirenti la banda del principe Vittorio Emanuele, arrestato il 16 giugno scorso e che si trovava agli arresti domiciliari.
Il Tribunale ha revocato la misura cautelare e ha disposto il trasferimento del fascicolo a Como per l'accusa di corruzione per la nomina del procacciatore di clienti al casinò di Campione d'Italia; e a Milano per quella di concorso nel favoreggiamento della prostituzione per le donne procurate a Vittorio Emanuele.
Il Tribunale, poi, ha concesso di arresti domiciliari ad faccendiere Achille De Luca. Stessa sorte per il sindaco di Campione d'Italia, Roberto Salmoiraghi, che lascia il carcere di Potenza per essere trasferito agli arresti domiciliari. Invece, l'imprenditore veneto Ugo Bonazza resta agli arresti domiciliari.
Relativamente alle decisioni, il pm non ha voluto commentare: «Non ho nulla da dire. Le domande vanno rivolte al Procuratore della Repubblica».
Marisa Ingrosso

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie