Giovedì 28 Gennaio 2021 | 04:39

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

Potenza - Indagato un cerimoniere pontificio

Si tratta di monsignor Francesco Camaldo, sospettato di pirateria informatica. Avrebbe chiesto al faccendiere Massimo Pizza, presunto capo di una banda di truffatori che vantava contatti con i servizi segreti, di distruggere un sito internet che pubblicava notizie sgradite
Vaticano POTENZA - Uno dei cerimonieri pontifici - monsignor Francesco Camaldo, 54 anni, di Lagonegro - è stato iscritto sul registro degli indagati della Procura di Potenza dal Pm Henry John Woodcock, con l'accusa di pirateria informatica.
Il prelato è sospettato di aver chiesto al faccendiere Massimo Pizza, presunto capo di una banda di truffatori che vantava contatti con i servizi segreti, di distruggere un sito internet che pubblicava notizie sgradite al prelato. L'inchiesta su Pizza ha originato poi quella in cui è coinvolto Vittorio Emanuele di Savoia.
Il reato contestato è lo stesso che Pizza avrebbe commesso per conto di Emanuele Filiberto di Savoia, anche lui indagato dalla Procura di Potenza per pirateria informatica. Come il prelato, il principe gli avrebbe chiesto di distruggere un sito con notizie sgradite ai Savoia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie