Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 20:58

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Sanità - A giudizio ex Giunta Basilicata

Con l'accusa di abuso d'ufficio, in relazione alla rimozione di Giuseppe Panio direttore generale dell'Asl di Venosa (Potenza), fra il 2000 e il 2001
POTENZA - Con l' accusa di abuso d' ufficio - in relazione alla rimozione dell' allora direttore generale dell' Asl di Venosa (Potenza), fra il 2000 e il 2001 - la Procura della Repubblica di Potenza chiederà il rinvio a giudizio dell' ex Giunta regionale della Basilicata e di alcuni dirigenti e funzionari (in totale, undici persone).
La richiesta di rinvio a giudizio dell' ex esecutivo lucano - guidato all' epoca dall' attuale senatore e Sottosegretario allo Sviluppo economico, Filippo Bubbico (Ds), e di cui faceva parte, come assessore alla sanità, l' attuale presidente della Giunta, Vito De Filippo (Margherita) - è la conseguenza di una ordinanza del gip di Potenza, Alberto Iannuzzi, che ha disposto la formulazione coatta dell' imputazione, dopo aver rigettato la richiesta del pm di archiviare l' inchiesta.
Oltre che per Bubbico e per De Filippo, la Procura chiederà il rinvio a giudizio degli ex assessori Sabino Altobello (Ds, attualmente Presidente della Provincia di Potenza), Carlo Chiurazzi (Margherita, tuttora assessore regionale), Aldo Michele Radice (all' epoca della Margherita, ora dell' Italia dei valori), Carmine Nigro (Udeur, attualmente Presidente della Provincia di Matera), Salvatore Blasi (Sdi) e Rocco Vita (Ds), di Giancarlo Vainieri, che subentrò al direttore generale della Asl «sgradito» la cui denuncia fu all' origine dell' inchiesta - e dei funzionari Michele Pinto e Santo Alessi.
La Giunta regionale lucana, fra l' ottobre 2000 e il febbraio 2001, prima sospese e poi rimosse dall' incarico di direttore generale dell' Asl di Venosa Giuseppe Panio, al quale subentrò Vainieri (secondo l' accusa, vicino alle posizioni politiche di Bubbico). Il provvedimento di sospensione di Panio fu annullato dal Tribunale di Melfi (Potenza): nonostante ciò - ha rilevato il gip - la Giunta regionale risolse il contratto con Panio e successivamente nominò Vainieri direttore generale dell' Asl. A Panio, comunque, l' esecutivo lucano versò in totale 150 mila euro, «a titolo di risarcimento del danno» per l' illegittima sospensione e come «incremento del compenso liquidato a fine mandato». Per tale fatto, il gip ha disposto la trasmissione dell' ordinanza per l' imputazione coatta alla Corte dei Conti.
Inoltre, poichè nella sua denuncia Panio ipotizzò un «collegamento tra la richiesta di archiviazione» avanzata dal primo pubblico ministero che coordinò l' inchiesta, Felicia Genovese, e la nomina del marito del magistrato (che quindi si astenne dal proseguire le indagini), Michele Cannizzaro, a direttore generale dell' azienda ospedaliera San Carlo di Potenza ad opera della stessa Giunta regionale, il gip ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie