Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 20:37

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, omicidio Perez: ridotta condanna al padre dell'assassina

Bari, omicidio Perez: ridotta condanna al padre dell'assassina

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

A Colobraro la scaramanzia attira turisti

COLOBRARO (MT) - Riuscire a trasformare la cattiva nomea di portare “jella” al solo pronunciare il nome in un’occasione turistica: è quello che sta accadendo a Colobraro, piccolo paese della provincia di Matera perseguitato da decenni dalla brutta fama di portare male e per questo diventato il “paese innominabile” o “quel paese”, altrimenti scattano corna e i consueti gesti plateali contro la malasorte. E così a Colobraro sono stati così bravi da utilizzare la scaramanzia come un volano per attirare attenzioni
A Colobraro la scaramanzia attira turisti
MATERA - Riuscire a trasformare la cattiva nomea di portare “jella” al solo pronunciare il nome in un’occasione turistica: è quello che sta accadendo a Colobraro, piccolo paese della provincia di Matera perseguitato da decenni dalla brutta fama di portare male e per questo diventato il “paese innominabile” o “quel paese”, altrimenti scattano corna e i consueti gesti plateali contro la malasorte. E così a Colobraro sono stati così bravi da utilizzare la scaramanzia come un volano per attirare attenzioni e ci stanno riuscendo tanto che quest’anno, per la terza edizione, il centro storico del piccolo Comune di 1500 anime sarà animato due volte alla settimana dallo spettacolo teatralizzato ed itinerante “Sogno di una notte... a quel paese”.

Appunto, la stessa comunità ormai abituata gioca con questa credenza facendola diventare un modo per far arrivare turisti e in questo modo prendendosi anche un “risarcimento morale” per tanti decenni di imprecazioni. In realtà questa eredità del passato è più legata ad una leggenda urbana ed è stata alimentata dalle malelingue degli altri paesi lucani. Si dice, infatti, che tutto nascerebbe da un aneddoto. Negli anni '40, nel salone della Provincia di Matera, un professionista di Colobraro avrebbe “profetizzato” la caduta di un lampadario. Vedendolo infatti penzoloni o poco sicuro, avrebbe detto qualcosa come “quello lì tra poco crolla”. Il guaio è che, stando alla storia che si racconta, il lampadario cadde davvero e s'infranse. Non solo, provocò anche un grosso incendio. E da quel momento, soprattutto per i materani, il paese fu “segnato”.

Se questo è molto probabilmente un chiacchiericchio di paese, ingigantito per le solite ragioni di campanile, è possibile che la particolare etichetta di portare male, o, se si vuole dirlo nel politicamente corretto, di non portare bene, al paesino della valle del Sinni più probabilmente è stato affibbiato perchè l’antropologo Ernesto De Martino dedicò un capitolo del suo “Sud e magia”, uno studio che esplora il persistere nella Lucania profonda di pratiche di magia cerimoniale, tra fatture, possessioni, esorcismi e fascinazione stregonesca. E' anche vero che De Martino girò molti luoghi della Basilicata e già Carlo Levi, nelle pagine di “Cristo si è fermato a Eboli”, scolpì i ritratti di consuetudini locali legate alla magia e alla superstizione, tuttavia solo Colobraro ha “guadagnato” tale vulgata. E così l’amministrazione comunale e le associazioni culturali del posto hanno deciso di sovvertire tale etichetta usandola come un boomerang per un effetto contrario, ottenendo dei vantaggi per far conoscere davvero il paese e per smentire le leggende. Nel contempo, è stato creato un modo per far arrivare gente a Colobraro che altrimenti se ne sarebbe guardata bene. Giocando in attacco, anzichè in difesa, Colobraro riesce a combattere la triste nomea che ancora resiste. 

Quante volte abbiamo sentito nominare Colobraro con uno scaramantico “quel paese”? Da questa domanda, Colobraro ha fatto nascere lo spettacolo “Sogno di una notte d’estate... a quel paese”. Una rappresentazione teatralizzata che si svolge nel centro storico, con un sapiente gioco di luci sulla rupe del castello, attraverso diversi “quadri viventi”, per poi concludersi con la degustazione di piatti tipici di Colobraro. Divertimento assicurato tra storie del passato rilette tra “affascini” e “monachicchi” fino a svelare le origini del mito, tutto con un tenore lieve e ironico. Finora il riscontro è stato positivo tanto che rispetto allo spettacolo settimanale dell’anno scorso, quest’anno ad agosto gli appuntamenti sono raddoppiati (ogni martedì e venerdì, a partire dalle 19.00 in piazza Vittorio Veneto). Inoltre gli attori e figuranti, diretti da Giuseppe Ranoia, vengono spesso chiamati anche in rassegne culturali estive di altri Comuni. Un intero paese, praticamente, è coinvolto nello spettacolo. L'obiettivo dei cittadini di Colobraro, a cominciare dal sindaco Andrea Bernardo, è di sfatare la nomea del “paese jella” per farlo diventare piano piano “il paese portafortuna”. Anche lo spettacolo è tutto costruito intorno agli elementi della leggenda. Tanto che gli spettatori, prima di iniziare nel “viaggio” dello spettacolo, possono munirsi di un apposito amuleto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie