Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 02:55

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Scorie nucleari a Scanzano, nuovi timori

La Sogin non da risposte sulla messa in sicurezza del centro Itrec Trisaia di Rotondella (Mt). ScanZiamo le scorie: nelle ultime settimane sono giunte notizie non rassicuranti
POTENZA - I rappresentanti di «ScanZiamo le scorie» - l'associazione nata a Scanzano Jonico (Matera) dopo la rivolta anti-nucleare del novembre 2003 - non parteciperanno giovedì prossimo, 27 aprile, alla riunione del Tavolo regionale della trasparenza, «in segno di protesta nei confronti della Sogin, che continua a non dare risposte sulla messa in sicurezza del centro Itrec Trisaia di Rotondella (Matera)».
Lo hanno annunciato stamani, a Potenza, in un incontro con i giornalisti, i dirigenti dell'associazione, secondo i quali «il centro di Rotondella deve essere considerato come un interesse di carattere regionale e non solo zonale».
Il portavoce di «ScanZiamo le scorie», Pasquale Stigliani, ha sottolineato che «nelle ultime settimane sono giunte diverse notizie non rassicuranti. In particolare - ha aggiunto - sono partite sollecitazioni dall'Autorità per l'Energia elettrica e per il gas (Aeeg) e dall'Agenzia per la protezione dell'ambiente e del territorio (Apat) verso il soggetto attuatore, la Sogin appunto, affinchè superasse i ritardi accumulati. La stessa Sogin è stata criticata anche per il rigonfiamento delle spese, assolutamente in contrasto con la sua modesta operatività».
«Inoltre - ha aggiunto Stigliani - il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, ha risposto a una lettera al presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, informandolo che 'la richiesta del Governo di esportare negli Usa le barre della Centrale Elk River, stoccate nell' impianto Itrec non ha avuto esito positivo'. Le nostre perplessità - ha continuato Stigliani - sono aggravate dal pesante parere dello scorso 7 aprile della Commissione tecnico scientifica nazionale che ha espresso preoccupazione in quanto 'l'aggiornamento 2006 dei Cronoprogrammi introduce ulteriori ritardi e slittamenti degli obiettivi da comportare un oggettivo contrasto con la nozione stessa di emergenza».
Durante la conferenza stampa - alla quale hanno partecipato anche il presidente, Donato Nardiello, e il vicepresidente dell' associazione, Antonello Bonfantino - i rappresentanti di Scanziamo le scorie si sono rivolti a De Filippo «affinchè si faccia interprete di queste ragionevoli preoccupazioni e si rivolga al Governo nazionale affinchè sia risolta la questione del combustibile irraggiato, eventualmente verificando la disponibilità di altri Paesi a riceverlo. Chiediamo infine - hanno concluso - che nuove capacità operative e nuove competenze tecniche vengano messe in campo per portare a soluzione, in tempi certi e accettabili, i problemi dell'emergenza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie