Sabato 16 Gennaio 2021 | 01:58

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Potenza - C'è l'ufficio di collocamento virtuale

Si tratta del portale (www.basilicata.borsalavoro.it) collegato alla Borsa Lavoro nazionale continua (www.borsalavoro.it) istituita dalla riforma Biagi
POTENZA - E' stato presentato oggi l'ufficio di collocamento virtuale della Basilicata: si tratta del portale collegato alla Borsa Lavoro nazionale continua istituita dalla riforma Biagi. La Borsa è accessibile dall'indirizzo internet specifico (www.basilicata.borsalavoro.it) o da quello generale (www.borsalavoro.it). Pubbliche amministrazioni, imprese, lavoratori, disoccupati e in cerca di occupazione possono inserire informazioni e scegliere i servizi offerti.
Il sistema garantisce la circolazione dei dati dell'offerta e della domanda fra tutti i soggetti che sono coinvolti nelle dinamiche del mercato del lavoro. Gli enti locali possono avere a disposizione in tempo reale tutte le informazioni relative a ogni persona in età di lavoro, identificare in tempo reale i soggetti da interessare a politiche di accompagnamento al lavoro e acquisire informazioni statistiche sul mercato del lavoro per orientare le politiche attive.
I cittadini, invece, hanno la facoltà di aderire a offerte specifiche, presentare il curriculum e la propria candidatura senza bisogno di intermediari.
Possono disporre su informazioni sul mercato del lavoro, chiedere servizi agli intermediari, estrarre e stampare il proprio libretto formativo, interagire con enti pubblici e privati e ottenere la certificazione di specifici diritti e l'accesso a regimi di incentivazione. Anche i datori di lavoro possono pubblicare direttamente le richieste di lavoro, specificando i profili professionali richiesti.
Le agenzie per il lavoro, inoltre, possono pubblicare annunci relativi alle richieste delle aziende, utilizzare le candidature dei lavoratori per cercare personale e sviluppare i servizi in cooperazione con la rete pubblica. «Uno dei punti più deboli del mercato del lavoro è la mancanza di informazioni -ha specificato Lea Battistoni, responsabile della Direzione generale del Mercato del Lavoro presso il Ministero -. Il progetto compensa il deficit, consentendo a tutte le Regioni di dialogare tra loro, mettendo in rete le informazioni di cui dispone».
Al portale Borsa lavoro sono collegate anche Piemonte, Veneto, Lombardia, Molise, Calabria, Puglia, Sicilia, Sardegna e Abruzzo. A febbraio entreranno nel sistema Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche. (segue) Il primo risultato sono 10 mila curricula e 5 mila offerte di lavoro già inserite. Un sms informa i cittadini interessati di essere stati contattati sulla loro disponibilità. Alla Borsa lavoro possono aderire non solo i Centri per l'impiego e le Agenzie di lavoro ma anche le Province, i Comuni, le Università, le scuole, le Camere di Commercio, le associazioni datoriali e dei lavoratori e l'Ordine nazionale dei consulenti del lavoro.
«La Basilicata è stata una delle prime regioni ad attivare contemporaneamente sia la Borsa lavoro che il proprio sistema regionale» - ha ricordato il dirigente generale del Dipartimento Formazione e lavoro, Gerardo Calvello. «Il Sil (Sistema informativo lavoro) è attivo nella provincia di Matera e sarà in funzione in questi giorni nella provincia di Potenza - ha aggiunto -. L'obiettivo è quello di avere a disposizione un centro in cui unificare tutti i dati ed evitare duplicazione di attività».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie