Venerdì 22 Gennaio 2021 | 11:43

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, in una lettera dalla Francia minacce all'omicida dei due fidanzati

Lecce, in una lettera dalla Francia minacce all'omicida dei due fidanzati

 
PotenzaNel Potentino
Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
FoggiaIl caso
Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

 
Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Matera - Un calendario per chiesa rupestre

Il lavoro riporta 12 fotografie a colori raffiguranti gli affreschi datati dal XIII al XVI sec. dell'antico complesso rupestre del Sasso Caveoso di Santa Lucia alle Malve
MATERA - Per iniziativa della Libreria dell'Arco, è stato realizzato a Matera un calendario monotematico dedicato alla chiesa rupestre di Santa Lucia alle Malve: è il primo calendario di questo tipo dedicato a una delle oltre 150 testimonianze rupestri dell' agro materano.
Il lavoro, allegato alla pubblicazione «Vademecum e cronologia essenziale della città di Matera», riporta 12 fotografie a colori raffiguranti gli affreschi dell'antico complesso rupestre del Sasso Caveoso. Gli affreschi, realizzati tra il 13/o e 16/o secolo, sono stati eseguiti da Rinaldo da Taranto, da pittori ignoti e da maestri delle tempere francescane e angioine. Riguardano le effigi di San Benedetto, San Vito, San Michele Arcangelo, San Giovanni Battista, San Gregorio, della Madonna del Latte, di Santa Lucia e raffigurazioni dell'Incoronazione. La chiesa è completamente scavata nella roccia e ha facciate in tufo. Le tre navate furono scavate presumibilmente tra decimo e undicesimo secolo. Sul piano architettonico il tempio è contrassegnato da elementi della cultura greca. Sino al 1280 la chiesa era annessa al convento delle monache benedettine di Santa Lucia e Agata. La navata centrale e quella sinistra sono state abitate dal 1943 agli anni Sessanta. Conserva un corredo iconografico vario e interessante. Sul banco roccioso che sovrasta il tetto ci sono numerose sepolture di epoca precedente e contemporanea all'insediamento monastico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie