Martedì 19 Gennaio 2021 | 13:50

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Policlinico Bari, la Procura fa appello: «Nei tubi c'è ancora legionella»

Policlinico Bari, la Procura fa appello: «Nei tubi c'è ancora legionella»

 
LecceNel Salento
Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
PotenzaLa pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
Foggianel Foggiano
Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Basilicata - Una lettera al ministro Matteoli

L'ha scritta il presidente della giunta regionale, De Filippo. Ha ribadito la volontà della Regione di inserire il monte Caperrino fra le aree tutelate del prossimo Parco nazionale Appennino lucano - Val d'Agri - Lagonegrese. La questione-petrolio
POTENZA - Il presidente della giunta regionale della Basilicata, De Filippo, ha scritto al ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio, on. Altero Matteoli, una lettera sulla questione del monte Caperrino.
Questo il testo.
«Egregio ministro, a seguito della espressione del parere negativo da parte della Conferenza unificata, nella seduta del 26 gennaio ultimo scorso, sullo schema di Dpr istitutivo del Parco nazionale Appennino lucano - Val d'Agri - Lagonegrese, nella formulazione proposta dal ministero dell'Ambiente, Le ribadisco la volontà della Regione Basilicata di includere l'area della Montagna di Caperrino nella perimetrazione del Parco nazionale dell'Appennino Lucano. Infatti, com'è a lei ben noto, già con la deliberazione numero 552 del 23 dicembre 2002, il Consiglio regionale della Basilicata aveva approvato l'intesa con il ministero dell'Ambiente ai sensi della leggi numero 341/91 e 426/98, preliminare all'istituzione del Parco nazionale del Appennino lucano - Val d'Agri - Lagonegrese, includendo il monte Caperrino nella perimetrazione riportata nella cartografia ufficiale, allegata allo schema di Dpr, di istituzione del parco medesimo. Inoltre lo stesso protocollo d'intesa Regione Basilicata - Total, firmato il 18 novembre 2004 presso la sede del ministero delle Attività Produttive e sottoscritto anche dal sottosegretario di Stato on. Giovanni Dell'Elce, riporta l'inequivoca precisazione che "qualsiasi attività connessa alla coltivazione degli idrocarburi non dovrà in alcun modo interessare il territorio del costituendo Parco Nazionale del Appennino lucano - Val d'agri - Lagonegrese, ivi compreso il monte Caperrino". Allo stesso modo l'accordo-quadro che la Regione Basilicata si accinge a sottoscrivere con la stessa Total, ma anche con Shell Italia E. e P. ed Esso Italia s.p.a., riporta la stessa medesima testuale precisazione. Tanto premesso, nel richiamare l'imprescindibile necessità di addivenire all'intesa inequivocabilmente richiesta dalla chiara dizione dell'articolo 2, comma 7 della legge regionale numero 394/91 e dell'articolo 2, comma 5 della legge regionale 426/98, mi auguro, con spirito di autentico raccordo istituzionale, che la rapida risoluzione del contrasto in atto possa consentire di non ritardare ulteriormente l'istituzione del Parco, permettendo così di avviare le necessarie azioni di salvaguardia e di tutela, al fine dell'auspicato sviluppo sociale ed economico dei territori interessati in senso ecocompatibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie