Lunedì 18 Gennaio 2021 | 08:41

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Cc Potenza scoprono «giro» di ricambi Fiat rubati

I pezzi venivano sottratti dagli stabilimenti (soprattutto Melfi e Pomigliano d'Arco) e rivenduti in tutta Italia. Nel Potentino ogni mese sparivano centraline elettroniche per un milione di euro. Arrestati in quattro, trenta denunciati per ricettazione. Recuperato materiale per 5 milioni
POTENZA - I carabinieri di Potenza hanno sgominato un'organizzazione che rubava pezzi di ricambio dagli stabilimenti Fiat (soprattutto Melfi e Pomigliano d'Arco) e li rivendeva in tutta Italia. Da Melfi (Potenza) ogni mese sparivano pezzi per un milione di euro, da Pomigliano (Napoli) i ricambi della nuova Alfa 159.
Nel corso dell'indagine, durata un anno, quattro persone sono state arrestate per associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione, trenta sono state denunciate per lo stesso reato, altre dieci solo per ricettazione. I militari potentini hanno recuperato materiale rubato per cinque milioni di euro e hanno sequestrato depositi a Cava dei Tirreni, Scafati, Angri (Salerno), Maddaloni (Caserta), Foggia, Bari, Firenze.
A far sparire i pezzi di ricambio (soprattutto le costose centraline elettroniche) erano i dipendenti delle ditte che curano logistica e magazzino per gli stabilimenti Fiat (a Melfi è una joint venture Tnt-Arvil). Gli addetti fingevano di consegnare i pezzi alle fabbriche del gruppo torinese, facendo fatture false, e li rivendevano invece a prezzi stracciati a grossisti o negozianti in tutta Italia.
I carabinieri hanno denunciato persone in Basilicata, Campania, Piemonte, Umbria, Toscana, Marche, Puglia, Friuli Venezia Giulia. I furti avvenivano soprattutto a Melfi e a Pomigliano d'Arco. Nello stabilimento lucano, i militari calcolano che sparissero pezzi per un milione di euro al mese. Da Pomigliano sparivano invece le costose centraline della nuova Alfa 159, prodotta lì.
Fra i denunciati, una decina sono dipendenti delle ditte di logistica, una decina i grossisti, gli altri negozianti. Stamani nel garage di un dipendente della Arvil a Picerno (Potenza) sono state scoperte centraline rubate a Melfi per 130.000 euro. Giuseppe Antonio Caivano, 45 anni, è stato denunciato per ricettazione e arrestato perchè nel deposito teneva anche 82 grammi di marijuana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie