Sabato 16 Febbraio 2019 | 13:16

NEWS DALLE PROVINCE

LecceControlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
TarantoIn via Temenide
Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

 
MateraComune
Da Matera all'Aeroporto con bus navetta: siglato accordo

Da Matera all'Aeroporto di Bari con bus navetta: siglato accordo

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
BariRunning heart
Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la Corsa del cuore

Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la corsa del cuore

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Sulle vie dell’acqua ecco le sorgenti  che dobbiamo salvare

di ANGELO MORIZZI 
BERNALDA - Sulle vie dell’acqua. Il Centro di educazione ambientale di Bernalda e Metaponto (Cea), lancia l’allarme sul degrado e il pessimo stato di conservazione delle sorgenti, attorno alle quali si sono sviluppati importanti nuclei abitativi, dal neolitico alla Magna Grecia, all’età Romana e Medievale, fino all’inizio del '900 nel territorio jonico
Sulle vie dell’acqua ecco le sorgenti  che dobbiamo salvare
di ANGELO MORIZZI 

BERNALDA - Sulle vie dell’acqua. Il Centro di educazione ambientale di Bernalda e Metaponto (Cea), lancia l’allarme sul degrado e il pessimo stato di conservazione delle sorgenti, attorno alle quali si sono sviluppati importanti nuclei abitativi, dal neolitico alla Magna Grecia, all’età Romana e Medievale, fino all’inizio del '900 nel territorio jonico. Dinu Adamesteanu sosteneva che «la conoscenza del passato, specialmente di quello del proprio territorio, è recupero di una identità, di una memoria storica e diventa, soprattutto, tutela di un Bene collettivo». Attraverso il concorso intitolato “Foto goccia”, i referenti del Cea rilanciano, perciò, il concetto di identità, coscienza e conoscenza della nostra memoria. 

«Ripercorrere i luoghi della Magna Grecia è sentire la certezza delle origini - osserva Geremia Ninno -. Un modo nuovo di ritrovarsi lungo la strada. L’acqua ha sempre avuto presso gli antichi greci una doppia valenza: funzionale e religiosa. Funzionale per l’utilizzo nella vita quotidiana; religiosa poiché presente in molte pratiche di culto. La visione sacra dell’acqua indusse gli elleni a personificare le fonti e i fiumi in divinità da venerare. Alle foci si costruivano templi extraurbani, come quello metapontino di Era, detto delle Tavole Palatine e quello di Artemide e di Zeus, nel sito di San Biagio alla Venella. Nelle aree sacre l’utilizzo di acqua è documentato dal ritrovamento di una serie di bacili, louteria, perirrhanteria di grandi dimensioni. 

Attraverso gli scavi archeologici è emerso che i Metapontini furono costretti a sollevare il livello delle costruzioni per l’affioramento di falde freatiche e a costruire apposite fognature. Anche le acque meteoriche furono incanalate in apposite canalette di terracotta. Nei santuari si conservavano testimonianze dell’identità culturale e religiosa dei coloni greci. All’ingresso dei santuari antichi era situato il “louterion”, la cui funzione è paragonabile alle attuali acquasantiere. La sua presenza testimoniava la purificazione dei fedeli, attraverso l’aspersione con acqua, prima di partecipare al sacrificio presso l’altare. Nei santuari l’acqua non solo aveva una funzione di culto, ma possedeva virtù terapeutiche ed era sfruttata per conferire beneficio alla comunità. Era inoltre utilizzata nelle abluzioni purificatorie (per rendere puri il corpo e la mente), nei bagni prepuziali (per conferire alle giovani spose forza fecondante), nei passaggi di status da età adolescenziale a quell’adulta. A volte era praticato anche il bagno della statua della divinità, in segno di energia e vigore.

Tra le sorgenti bisognose di restyling, Cea segnala, nel territorio di Bernalda e Metaponto i pilacci Bufalara e Vuccolo, la fontana Nuova Madonna degli Angeli, le sorgenti S.Angelo, S.Biagio e Pantanello, il ponte Fabrizio, i pozzi Gravaglia, Giamperduto, Mercuragno, Torrone e Solfegna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400