Lunedì 25 Gennaio 2021 | 02:37

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Foggiala tragedia
San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: due le persone morte

San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: il bilancio è di due morti

 
Leccela polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 
MateraIl mistero
Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 

i più letti

Matera - Avviata la mobilità per 113 lavoratori stabilimento Barilla

La decisione è di chiudere la fabbrica dal primo gennaio 2006, per la crisi strutturale del settore molitorio e per aspetti logistici
MATERA - La Barilla spa ha comunicato con una nota inviata ai sindacati, alla Regione Basilicata e alla Confindustria di Matera l'avvio delle procedure di mobilità per i 113 lavoratori dello stabilimento materano.
La decisione segue quanto preannunciato a ottobre dello scorso anno: la decisione di chiudere la fabbrica dal primo gennaio 2006, per la crisi strutturale del settore molitorio e per aspetti logistici.
«Come già annunciato il 29 ottobre 2004 - è scritto nella comunicazione dell'azienda, a firma del direttore risorse umane Paolo Cabrini - l'intero settore produttivo della pasta di semola è soggetto a una crisi strutturale, provocata dalla costante riduzione dei prezzi al consumo, dall'aumento delle condizioni contrattuali richieste dalla distribuzione, dalla crescita degli hard discount, dei volumi delle marche della distribuzone e dall' aumento dei costi».

«Questa crisi - prosegue Cabrini - si aggraverà a partire dal 2006, a causa dell'incremento del costo del grano duro, indotto dalla nuova politica agricola comunitaria. La natura e al dimensione di tali fenomeni impongono scelte di strategia industirale, focalizzate sull'accentramento delle produzioni e sulle localizzazioni dei siti produttivi in vicinanza delle grandi vie di comunicazione nazionali».
«Solo gli stabilimenti con una elevata capacità produttiva - ha aggiunto Cabrini - massimo utilizzo degli impianti, elevata efficienza ed elevato tonnellaggio per addetto, localizzate in aree favorevoli dal punto di vista dei trasporti, abbinati a una sempre più onerosa ricerca dell' innovazione, possono assicurare il futuro dell' azienda».

Per la Barilla, gli impianti di Matera non avrebbe questi requisiti. «Lo stabilimento di Matera - ha affermato Cabrini - date le ridotte dimensioni, peraltro non espandibii, ma soprattutto per la distanza dei mercati di destinazione e da vie di comunicazione efficienti, non risponde ai requisiti suddetti. L'adozione di altre misure non appare, allo stato attuale, idonea, in quanto finirebbe inevitabilmente per gravare sui costi e quindi sul bilancio societario, risultando incompatibile con l' obiettivo di recuperare risorse da destinare al miglioramento della competitività aziendale».
«Per questi motivi - conclude la nota - l'azienda comunica di cessare l'attività produttiva a partire dal 1 gennaio 2006 e di collocare in mobilità tutte le unità lavorative».
La Barilla si è dichiarata disponibile a un incontro con la rappresentanza sindacale unitaria e i sindacati presso la sede di Matera della Confindustria, per l'espletamento delle procedure. I sindacati, intanto, valuteranno nelle prossime ore le misure da adottare contro la decisione dell'azienda, più volte respinta nei mesi scorsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie