Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 05:10

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
PotenzaIl virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
BariIl caso
Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 

i più letti

E i crociati sbarcano a Potenza

Apre la mostra internazionale ed itinerante (andrà anche in Grecia, Francia, Malta e Cipro), «Crociate. Mito e realtà», curata nel nostro Paese dal Cnr
POTENZA - Una mostra internazionale ed itinerante che abbia per tema la rilettura storica delle crociate. Questo l'obiettivo della mostra itinerante, che toccherà Cipro, Malta, Francia, Grecia e Italia, dal tema «Crociate. Mito e realtà», che apre i battenti e curata nel nostro Paese dal Consiglio nazionale delle Ricerche. L'esposizione fino al 23 settembre porta l'epopea medievale al Castello federiciano di Lagopesole, in provincia di Potenza. Ad accompagnare la mostra, il convegno dal titolo «Alle origini dell'Europa mediterranea: l'Ordine dei cavalieri giovanniti».
«La Crociata non è solo un evento storico circoscritto al Medioevo, ma un'idea-forza, una categoria dello spirito umano- spiega il vicepresidente del Cnr e storicoRoberto de Mattei- come dimostra il fatto che ancora ai nostri giorni il termine viene utilizzato, sia pure in maniera impropria, per definire ogni manifestazione di ferma opposizione non solo fisica, ma anche culturale e morale ad un avversario ideologico».
«Accanto a quella esteriore e istituzionale -aggiunge- esiste una dimensione interiore della crociata che la mentalità moderna fatica a comprendere, tendendo ad interpretarla come una copertura di interessi politici ed economici».
Il convegno sull'Ordine degli Ospedalieri di San Giovanni, nato nel 1113, vuole mettere l'accento sul ruolo che esso svolse per la tutela della fede, l'assistenza e la difesa di poveri, malati e pellegrini che si recavano in Terra Santa. L'Ordine ha le sue origini nella fondazione dell'Ospedale di Gerusalemme presso la Chiesa di San Giovanni, ad opera dell'amalfitano Gerardo (la croce ottagona dei giovanniti è uguale a quella della Repubblica di Amalfi) e, grazie a donazioni e lasciti, sia nell'Oriente latino, sia in Occidente, creò una rete di accoglienza lungo le principali vie che conducevano al Santo Sepolcro.
Nel 1530, l'imperatore Carlo V donò ai cavalieri l'isola di Malta dove l'Ordine si insediò, dopo aver perso numerosi possedimenti, tra i quali Gerusalemme e Rodi, a causa degli attacchi dei musulmani.
La mostra «Crociate. Mito e realtà», che si pone l'obiettivo di tradurre le imprese degli ordini cavallereschi in 116 oggetti, provenienti da 20 Musei e Collezioni private, e pannelli didattici, è stata già presentata a Cipro e ad Atene e dopo Lagopesole, unica tappa italiana, proseguirà per Malta.
L'esposizione si lega al progetto dell'Unione Europea «Culture 2000. Incroci: Popoli e Culture in movimento. Cambiamenti nel Mediterraneo dall'Antichità ai Tempi Moderni» e coinvolge cinque Paesi del bacino del Mediterraneo: l'Italia, organizzatore il Cnr, la Fondazione Pierides di Cipro, la Sovrintendenza per i Beni Culturali di Malta, il Centro "Giulio Verne" di Francia e la Grecia. Il Comitato organizzatore e promotore italiano è composto da Maria Eugenia Cadeddu, Virginia Coda Nunziante, Ezio Martuscelli, Nicola Montesano, Antonella Pellettieri e Giampiero Perri.
La mostra si avvale di un sofisticatissimo apporto multimediale che consente al visitatore di vivere proprio tra «il mito e la realtà» il percorso dell'intera epopea. Una sensazione rafforzata grazie anche alla splendida cornice del Castello di Lagopesole, con la suggestione dei cortili, della cappella e delle sale espositive, ricche di elementi artistici ed architettonici federiciani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie