Lunedì 08 Marzo 2021 | 23:20

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa manifestazione
Ilva, salta integrazione salario per i1700: il 12 sciopero e sit in dei lavoratori

Ilva, salta integrazione salario per 1700: il 12 sciopero e sit in dei lavoratori

 
LecceL'iniziativa
Leuca, hotel dedica stanza a Rena Fonte, ex assessore Nardò uccisa dalla mafia

Leuca, hotel dedica stanza a Renata Fonte, ex assessore Nardò uccisa dalla mafia

 
PotenzaLa novità
Marsico Nuovo ottiene il titolo onorifico di «città»

Marsico Nuovo ottiene il titolo onorifico di «città»

 
FoggiaL'iniziativa
8 marzo a Lucera, al Lastaria mimose, cioccolatini e sorrisi per le pazienti dell'Oncologico

8 marzo a Lucera, al Lastaria mimose, cioccolatini e sorrisi per le pazienti dell'Oncologico

 
BariL'inaugurazione
8 marzo a Bari, ecco la panchina rossa dedicata a Noemi Durini

8 marzo a Bari, ecco la panchina rossa dedicata a Noemi Durini

 
MateraIl caso
Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

 
BatIl caso
Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

 

i più letti

Melfi, l’assassino della badante era il convivente

di FABIO AMENDOLARA
MELFI - Ai carabinieri ha raccontato tutto ciò che ha fatto quella mattina. E lo ha ripetuto più volte senza molte contraddizioni. Le impronte delle sue scarpe erano impresse nelle chiazze del sangue che la sua convivente Mariya Alferenok, 53 anni, badante ucraina, aveva perso durante il pestaggio. Il suo alibi, però, ha retto solo per poche ore. Davanti alle contestazioni dei carabinieri del Nucleo investigativo di Potenza, Vito - così è conosciuto a Melfi, dove il connazionale della donna lavorava occasionalmente come parcheggiatore abusivo davanti alberghi e ristoranti - è crollato
Melfi, l’assassino della badante era il convivente
di Fabio Amendolara 

MELFI -  Ai carabinieri ha raccontato tutto ciò che ha fatto quella mattina. E lo ha ripetuto più volte senza molte contraddizioni. Le impronte delle sue scarpe erano impresse nelle chiazze del sangue che la sua convivente Mariya Alferenok, 53 anni, badante ucraina, aveva perso durante il pestaggio. Il suo alibi, però, ha retto solo per poche ore. Davanti alle contestazioni dei carabinieri del Nucleo investigativo di Potenza, Vito - così è conosciuto a Melfi, dove il connazionale della donna lavorava occasionalmente come parcheggiatore abusivo davanti alberghi e ristoranti - è crollato.

Il movente? «Gelosia morbosa», dicono gli investigatori. Era geloso di un ex fidanzato di Mariya che ancora le ronzava attorno. E allora l’ha uccisa. Almeno secondo i carabinieri. Pare che la Procura abbia vietato di fornire il nome del sospettato ai giornalisti prima della convalida dell’arresto. Sono state fornite le sue iniziali: «V. Y.». E l’età: «33 anni». Ma Vito a Melfi è molto conosciuto e in tanti nella giornata di ieri sono andati da uno degli ex datori di lavoro a chiedere cosa fosse accaduto. Affronterà l’udienza di convalida con un avvocato d’ufficio.

Pare che gli orari e gli spostamenti forniti dal ragazzo siano in contrasto con la ricostruzione del medico legale. La morte della donna viene fatta risalire al tardo pomeriggio del 22 dicembre. E Vito, per il lasso di tempo indicato dal medico legale, non ha testimoni che possano confermare i suoi spostamenti. «Sono bastate alcune ore ai militari della compagnia carabinieri di Melfi per stringere il cerchio intorno all’assassino», scrivono i carabinieri nel comunicato stampa con cui annunciano di aver sbrogliato il giallo che ha tenuto gli abitanti di via Porta Calcinaia - una piccola strada del centro storico di Melfi accessibile solo a piedi - col fiato sospeso. È stato proprio Vito a chiamare i carabinieri alle 13 del 23 dicembre. Mariya era già morta da molte ore. I carabinieri l’hanno trovata sul suo letto, con il volto tumefatto. «A conclusione delle indagini, protrattesi fino a notte fonda, è risultato essere proprio il 33enne il carnefice», scrivono gli investigatori. L’aveva ridotta in schiavitù: la picchiava e viveva alle sue spalle, sfruttandola. I carabinieri lo definiscono «un parassita». Per i magistrati della Procura di Melfi è un assassino. E «ha ucciso per futili motivi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie