Giovedì 21 Febbraio 2019 | 09:33

NEWS DALLE PROVINCE

BariOperazione dei cc
Maxisequestro di droga a Bari Vecchia, in manette anche un'anziana

Maxisequestro di droga a Bari Vecchia, in manette anche un'anziana

 
TarantoNel tarantino
Impianto di energia pulita smaltisce rifiuti pericolosi: sequestro a Gioia del Colle

Impianto energia pulita smaltisce rifiuti pericolosi: sequestro a Gioia del Colle

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 
LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 

Potenza - Uccise donna: ergastolo

Salvatore Votta è stato condannato per l'omicidio di Maria Rosaria Mercadante. Voleva violentarla, non ci riuscì e nel lottare con la vittima la strangolò
POTENZA - Ritenuto responsabile dell' omicidio di Maria Rosaria Mercadante, di 24 anni - avvenuto il primo dicembre 2003 in un casolare abbandonato, a Viggiano (Potenza) - Salvatore Votta, di 28 anni, è stato condannato all'ergastolo oggi dal giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Potenza, Gerardina Romaniello.
Il gup, al termine di un processo svoltosi con il rito abbreviato, ha accolto la richiesta del pubblico ministero, Claudia De Luca, condivisa dall'avvocato di parte civile.
Mercadante, che era impiegata alla reception di un albergo di Viggiano, fu strangolata da Votta - che aveva precedenti per furto e ricettazione e in paese era considerato un balordo - nel tentativo di violentarla. Da tempo, secondo la ricostruzione fatta dai Carabinieri, l'uomo si era invaghito della ragazza, che era preoccupata dal suo atteggiamento, tanto da confidarsi con parenti e amiche, pur senza presentare alcuna denuncia alla magistratura.

La mattina del primo dicembre 2003, Votta attese che Maria Rosaria Mercadante uscisse di casa, poco prima delle ore 7, per andare al lavoro. Minacciandola con un coltello, la costrinse a guidare fino ad un casolare abbandonato, ad alcuni chilometri da Viggiano. Qui cercò di violentarla: la ragazza oppose una resistenza disperata e, nella lotta, Votta la strangolò.
L'uomo cercò poi di inscenare un suicidio, impiccando il cadavere nella legnaia del casolare: una scena che non trasse in inganno i Carabinieri del comando provinciale di Potenza, che nel giro di poche ore fermarono Votta, trovato peraltro con alcuni graffi sul viso, causati dalla lotta con Mercadante. L'uomo confessò di essere il responsabile del delitto nel pomeriggio di quello stesso giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400