Venerdì 20 Settembre 2019 | 08:01

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

Potenza - Uccise donna: ergastolo

Salvatore Votta è stato condannato per l'omicidio di Maria Rosaria Mercadante. Voleva violentarla, non ci riuscì e nel lottare con la vittima la strangolò
POTENZA - Ritenuto responsabile dell' omicidio di Maria Rosaria Mercadante, di 24 anni - avvenuto il primo dicembre 2003 in un casolare abbandonato, a Viggiano (Potenza) - Salvatore Votta, di 28 anni, è stato condannato all'ergastolo oggi dal giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Potenza, Gerardina Romaniello.
Il gup, al termine di un processo svoltosi con il rito abbreviato, ha accolto la richiesta del pubblico ministero, Claudia De Luca, condivisa dall'avvocato di parte civile.
Mercadante, che era impiegata alla reception di un albergo di Viggiano, fu strangolata da Votta - che aveva precedenti per furto e ricettazione e in paese era considerato un balordo - nel tentativo di violentarla. Da tempo, secondo la ricostruzione fatta dai Carabinieri, l'uomo si era invaghito della ragazza, che era preoccupata dal suo atteggiamento, tanto da confidarsi con parenti e amiche, pur senza presentare alcuna denuncia alla magistratura.

La mattina del primo dicembre 2003, Votta attese che Maria Rosaria Mercadante uscisse di casa, poco prima delle ore 7, per andare al lavoro. Minacciandola con un coltello, la costrinse a guidare fino ad un casolare abbandonato, ad alcuni chilometri da Viggiano. Qui cercò di violentarla: la ragazza oppose una resistenza disperata e, nella lotta, Votta la strangolò.
L'uomo cercò poi di inscenare un suicidio, impiccando il cadavere nella legnaia del casolare: una scena che non trasse in inganno i Carabinieri del comando provinciale di Potenza, che nel giro di poche ore fermarono Votta, trovato peraltro con alcuni graffi sul viso, causati dalla lotta con Mercadante. L'uomo confessò di essere il responsabile del delitto nel pomeriggio di quello stesso giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie