Giovedì 20 Giugno 2019 | 03:48

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSere d'estate
Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

 
BatMaltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
PotenzaUdienza a dicembre
Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

 
BrindisiNel Brindisino
La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

 
FoggiaIl processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
LecceEnoturismo
Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

 
TarantoArcelor Mittal
ArcelorMittal: «Se decreto crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

Ex Ilva, «Se dl crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

 
MateraL'operazione
Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano

Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano: 4 imprenditori indagati

 

i più letti

Potenza - Uccise donna: ergastolo

Salvatore Votta è stato condannato per l'omicidio di Maria Rosaria Mercadante. Voleva violentarla, non ci riuscì e nel lottare con la vittima la strangolò
POTENZA - Ritenuto responsabile dell' omicidio di Maria Rosaria Mercadante, di 24 anni - avvenuto il primo dicembre 2003 in un casolare abbandonato, a Viggiano (Potenza) - Salvatore Votta, di 28 anni, è stato condannato all'ergastolo oggi dal giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Potenza, Gerardina Romaniello.
Il gup, al termine di un processo svoltosi con il rito abbreviato, ha accolto la richiesta del pubblico ministero, Claudia De Luca, condivisa dall'avvocato di parte civile.
Mercadante, che era impiegata alla reception di un albergo di Viggiano, fu strangolata da Votta - che aveva precedenti per furto e ricettazione e in paese era considerato un balordo - nel tentativo di violentarla. Da tempo, secondo la ricostruzione fatta dai Carabinieri, l'uomo si era invaghito della ragazza, che era preoccupata dal suo atteggiamento, tanto da confidarsi con parenti e amiche, pur senza presentare alcuna denuncia alla magistratura.

La mattina del primo dicembre 2003, Votta attese che Maria Rosaria Mercadante uscisse di casa, poco prima delle ore 7, per andare al lavoro. Minacciandola con un coltello, la costrinse a guidare fino ad un casolare abbandonato, ad alcuni chilometri da Viggiano. Qui cercò di violentarla: la ragazza oppose una resistenza disperata e, nella lotta, Votta la strangolò.
L'uomo cercò poi di inscenare un suicidio, impiccando il cadavere nella legnaia del casolare: una scena che non trasse in inganno i Carabinieri del comando provinciale di Potenza, che nel giro di poche ore fermarono Votta, trovato peraltro con alcuni graffi sul viso, causati dalla lotta con Mercadante. L'uomo confessò di essere il responsabile del delitto nel pomeriggio di quello stesso giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie