Martedì 26 Gennaio 2021 | 00:49

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

Dai Sassi l'acqua per il deserto

Tecniche impiegate nei secoli a Matera per la canalizzazione e raccolta delle acque punto di riferimento per i Paesi desertici del Mediterraneo. Un convegno
MATERA - L'antica e complessa rete idrica dei Sassi di Matera potrebbe aiutare i paesi più assetati del Mediterraneo a risolvere i loro problemi di acqua. L'esperienza materana sarà studiata dal 3 al 7 febbraio nel corso di un convegno ad Adrar (Algeria) sui progetti europei contro la desertificazione.
Questi ultimi, chiamati Foggara e Shaduf, coinvolgono Spagna, Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto, Grecia, Belgio, Italia, Giordania e Palestina, tutti paesi che conservano una tradizione idraulica millenaria.
La rete idrica dei Sassi di Matera, realizzata nel corso dei secoli, è costituita da un sistema concatenato di raccolta delle acque piovane e sotterranee, che sfrutta i canali scavati nella roccia sui tetti della abitazioni, la condensazione dell'umidità nei sotterranei, il drenaggio dei terrazzamenti di orti e banchi rupestri, le neviere e le cisterne.
«A Matera sono rappresentate quasi tutte le tecniche di costruzione dei sistemi idraulici naturali - ha spiegato l'architetto Pietro Laureano, presidente di Ipogea, centro studi sulle tradizioni architettoniche locali, che ha classificato 40 tecniche idrauliche diverse -. Riutilizzare sistemi di raccolta, conservazione e distribuzione delle acque che troviamo in altri Paesi del Mediterraneo, può essere una possibile risposta al fabbisogno idrico di vaste aree del pianeta e alle profonde modificazioni ambientali di lungo periodo».
«Nel centro storico di Matera - ha detto - un sistema millenario consente di passare da semplici sistemi di raccolta idrica sui pendii o sulle terrazze delle case, in grado di non sprecare una goccia di pioggia, ad elaborati metodi di condensazione dell' umidità nelle caverne o in tumuli di pietra, fino ad complessi di gallerie drenanti sotterranee».
«Si tratta di metodi - ha proseguito - che hanno permesso il perpetuarsi della vita in condizioni difficili e la costruzione di paesaggi straordinari. Lo stesso patrimonio di esperienze, pur con le dovute differenze, lo abbiamo trovato in altri Paesi del Mediterraneo. Le tecniche di costruzione sono simili. Cambiano i materiali: dalla pietra alle calcarenite, dalle argille (Tunisia) alle arenarie (Giordania)».
Quanto alle località che hanno sistemi di raccolta naturali simili a quelli dei Sassi, Laureano cita Gerusalemme (Israele), che presenta un sistema di cisterne a campana, e Petra (Giordania). Sistemi ipogei sono stati censiti anche in Siria, in Cappadocia (Turchia) e a Creta (Grecia), che presenta il sistema di muretti a secco e dei monumenti megalitici.
Altri esempi sono a Cuenca (Spagna), Fez (Marocco), Gadames (Libia), con la città sotterranea, Matmata (Tunisia), che presenta un sistema di ipogei simile ai vicinati dei Sassi di Matera, e nella Valle dei Re (Egitto), con ipogei simili alle cantine dei Sassi.
Laureano ha anche ricordato le funzioni delle «foggara», un termine nordafricano che indica le gallerie drenanti sotterranee, che collegano a volte per chilometri il sottosuolo di interi territori. Le gallerie drenanti sono diffuse in Cina, in Iran, in Africa (in particolare nel Sahara, che ha una rete di gallerie di 6.000 chilometri) e nell'Italia meridionale. In Puglia le gallerie sono a Ginosa (Taranto) e a Gravina (Bari), in Basilicata a Grottole, Ferrandina, Montescaglioso (Matera) e Matera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie