Venerdì 22 Gennaio 2021 | 14:10

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
LecceL'iniziativa
«Back to school»: a Lecce l'evento in streaming con i ministri Azzolina e Spadafora

«Back to school»: a Lecce l'evento in streaming con i ministri Azzolina e Spadafora

 
Barinel Barese
Modugno, 51enne si sente male in casa: cane abbaia a lungo e allerta i vicini: è salva

Modugno, 51enne si sente male in casa, cane abbaia a lungo e allerta i vicini: è salva

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
FoggiaIl caso
Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

 
Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Anno accademico a rischio

Potrebbe partire in ritardo a causa della protesta di ricercatori, associati e docenti contro la riforma Moratti. Circa 70 ricercatori, 55 associati e 40 docenti ordinari dell'Ateneo hanno dato la loro adesione alla protesta
POTENZA - L'anno accademico dell'Università della Basilicata potrebbe partire in ritardo a causa della protesta di ricercatori, associati e docenti contro la riforma Moratti.
Un'assemblea di ricercatori e studenti dell'Ateneo lucano si è svolta, stamani, a Potenza, per decidere le forme di lotta da adottare nei prossimi giorni e per fare il punto della situazione sulla ricerca universitaria in Basilicata. Circa 70 ricercatori, 55 associati e 40 docenti ordinari dell'Ateneo hanno dato la loro adesione alla protesta contro la legge Moratti, partita dalle Facoltà di Agraria, Ingegneria e Scienze.
«La didattica è bloccata in tutta l'Università», ha detto Valerio Tramutoli, ricercatore della Facoltà di Ingegneria e coordinatore dell'assemblea.
«La protesta - ha aggiunto Paolo Fanti, ricercatore di Agraria - si svilupperà nelle prossime due settimane. A metà ottobre dovrebbe essere discusso in Parlamento il disegno di legge Moratti».
«L'Università della Basilicata - ha spiegato Tramutoli - sarebbe in grado di coprire solo la metà dei corsi didattici di Ingegneria, Agraria e Scienze con i fondi disponibili. Ma in realtà, l'altra metà dei corsi sono tenuti dai ricercatori, che non potrebbero dedicarsi alla didattica, e da docenti di altre università. In questo modo - ha proseguito Tramutoli - non c'è più il tempo per la ricerca e la qualità dell'insegnamento si abbassa».
«Il fondo ordinario dell'Ateneo lucano - ha detto Tramutoli - ammonta a 65 miliardi l'anno. Ma queste risorse sono insufficienti. L'Università ha ricevuto quest'anno come premio 700mila euro dal fondo di riequilibrio. Ma ne serve un milione. Chiediamo al ministro Moratti un segnale di sostegno alla ricerca pubblica».
Tra le proposte emerse dall'assemblea, si è deciso di creare un coordinamento tra le Università che aderiscono alla lotta. Sono circa 24 le Università italiane mobilitate contro la riforma voluta dal Ministro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie