Giovedì 23 Maggio 2019 | 09:12

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'operazione
Assalto in banca a Bari: polizia arresta 7 persone tra la Puglia, Roma e Napoli

Assalto in banca a Bari: polizia arresta 7 persone tra la Puglia, Roma e Napoli

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

 
BatDopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 

i più letti

Trisaia, traffico  di scorie nucleari inchiesta archiviata

Nel corso delle indagini, cominciate dieci anni fa il pm ha avuto contezza (soprattutto da Guido Garelli, uno 007 che lavorava per un’intelligence straniera) della presenza, negli anni ottanta, in Basilicata di agenti segreti del Regno Unito, della Cia, del Mossad israeliano e del Sismi, i quali spiavano le attività nucleari che avvenivano nel Centro della Trisaia, ipotizzando un’esportazione di armi, tecnologie e materiali strategici in particolare verso Iraq e Pakistan
• Il centro di Rotondella ora polo di ricerca ambientale
Trisaia, traffico  di scorie nucleari inchiesta archiviata
ROMA - Si è conclusa con un provvedimentodi archiviazione firmato dal gip di Potenza Gerardina Romaniello un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo lucano su due presunti traffici illeciti: uno, dall’Italia verso Paesi del Medio Oriente, di armi e materiali strategici; l’altro, dall’Italia verso la Somalia, di rifiuti radioattivi, con protagonisti agenti segreti di mezzo mondo e esponenti della criminalità organizzata. La notizia dell’archiviazione (il provvedimento risale a qualche tempo fa) è emersa a Roma durante un’audizione che il pm della Direzione Distrettuale antimafia di Potenza Francesco Basentini, titolare dell’indagine, ha tenuto davanti alla commissione parlamentare sul ciclo dei rifiuti. 

L'indagine giudiziaria, ha riguardato, in particolare le attività nucleari svolte in passato nel Centro Enea della Trisaia di Rotondella (Matera). L’attività investigativa non ha del tutto cancellato i sospetti di presunti illeciti, ma neppure ha permesso di raccogliere prove significative, per cui lo stesso pm Basentini aveva firmato una richiesta di archiviazione per otto ex dirigenti del Centro Enea della Trisaia e tre esponenti del clan Musitano della 'ndrangheta. 

Nel corso delle indagini, cominciate dieci anni fa il pm ha avuto contezza (soprattutto da Guido Garelli, uno 007 che lavorava per un’intelligence straniera) della presenza, negli anni ottanta, in Basilicata di agenti segreti del Regno Unito, della Cia, del Mossad israeliano e del Sismi, i quali spiavano le attività nucleari che avvenivano nel Centro, ipotizzando un’esportazione di armi, tecnologie e materiali strategici in particolare verso Iraq e Pakistan. Il pm ha, inoltre, raccolto testimonianze su un presunto traffico di rifiuti radioattivi, che – con l’intervento della 'ndrangheta – sarebbero stati, in parte, trasportati, a bordo di navi, in Somalia e, in parte, inabissati in mare a bordo di imbarcazioni fatte affondare. 

Gli approfondimenti investigativi svolti dai Carabinieri per la tutela dell’ambiente e dal Corpo Forestale dello Stato e le consulenze tecniche sulle attività del Centro Trisaia, tuttavia, non hanno consentito di andare al di là dei sospetti. Anche le dichiarazioni del pentito della 'ndrangheta Francesco Fonti sono risultate prive di riscontri, non essendo stati ritrovati fusti interrati nei siti da lui indicati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400