Martedì 19 Gennaio 2021 | 16:27

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl bilancio del Wwf
Molfetta, recuperate e liberate oltre mille tartarughe marine in poco più di 2 anni

Molfetta, recuperate e liberate oltre mille tartarughe marine in poco più di 2 anni

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
TarantoLa protesta
Scuola e Covid, a Taranto gli studenti sigillano simbolicamente ingressi degli istituti

Scuola e Covid, a Taranto gli studenti sigillano simbolicamente ingressi degli istituti

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
PotenzaLa pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Sacerdote eritreo: porto nel cuore la gente lucana ma torno nel mio paese

di ROSA ALBIS
Sarà ricordato come il sacerdote dell’ascolto e del dialogo, colui che non disdegnava di utilizzare radio e internet per parlare alla gente o un microfono nella villa comunale di Melfi per avvicinare i più giovani. padre Haile Tesfamariam, vincenziano eritreo particolarmente amato dalle comunità del Vulture-Melfese ha deciso di tornare in Eritrea dove carestie e siccità stanno mettendo a dura prova la sopravvivenza della popolazione
Sacerdote eritreo: porto nel cuore la gente lucana ma torno nel mio paese
di ROSA ALBIS

MELFI - Sarà ricordato come il sacerdote dell’ascolto e del dialogo, colui che non disdegnava di utilizzare radio e internet per parlare alla gente o un microfono nella villa comunale di Melfi per avvicinare i più giovani. Colui che, ancora a letto dopo un intervento chirurgico, ha accolto con pazienza i tantissimi fedeli andati a fargli visita in ospedale, alcuni dei quali desiderosi di essere confessati. È partito alla volta della sua terra d’origine per lavorare in una parrocchia africana e preparare i novizi alla vita sacerdotale, padre Haile Tesfamariam, vincenziano eritreo particolarmente amato dalle comunità del Vulture-Melfese. 

La gente ha accolto con molto rammarico la notizia della partenza del sacerdote e ha cercato in tutti i modi di dissuaderlo. «So che sono in molti a piangere per il mio allontanamento – dice padre Haile - e anche a me dispiace andare via. A Melfi mi sono trovato molto bene, ma come vincenziano ho sposato i voti della castità, della povertà e della obbedienza, per cui devo andare dove c’è bisogno di me». Ovvero in Eritrea, dove carestie e siccità stanno mettendo a dura prova la sopravvivenza della popolazione. 
«E’ vero che lì la gente è molto povera, ma solo da un punto di vista materiale – afferma il sacerdote – mentre conserva una grande ricchezza di fede. Spero che l’Italia, e in particolare la città di Melfi, sappiano mostrare la loro generosità inviando degli aiuti in un Paese allo stremo». 

Padre Haile nel 2003 ebbe un bruttissimo incidente stradale, cadendo in una scarpata alta 100 metri. Ne venne fuori quasi illeso. Come si dice in questi casi, fu «miracolato». E sono tanti i piccoli miracoli compiuti dal sacerdote africano durante la sua permanenza a Melfi, come la capacità di riappacificare in più occasioni coniugi che avessero litigato, di incoraggiare i depressi, di impartire lezioni speciali sul rispetto tra le persone e il diritto alla vita. Padre Haile, classe 1966, ha tenuto a cuore soprattutto i giovani. 

«Sono arrivato a Melfi, per la prima volta, nell’estate del 2006. Ricordo che ero molto ansioso di mettermi subito in attività, di incontrare gente, di parlare ai giovani in modo diretto e semplice, magari usando anche dei disegni». Per descrivere il sentimento provato prima della partenza, disegna su un foglio bianco un grande cuore. «Porterò nel mio cuore tutta la gente che ho incontrato qui e nei paesi limitrofi. Ho conosciuto tante persone credenti molto affezionate e accoglienti – conclude - delle quali manterrò un ricordo indimenticabile e che continuerò a sentire vicine a me nella preghiera».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie