Venerdì 15 Gennaio 2021 | 16:15

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
TarantoL'operazione
Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

 
MateraL'intervista
Matera, prefetto Argentieri: «La percezione sociale porta la gente a stupirsi anche per un furto»

Matera, prefetto Argentieri: «La percezione sociale porta la gente a stupirsi anche per un furto»

 
Batnel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
FoggiaDalla polizia
Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Successo lucano «Aglianico del Vulture» ora etichetta europea

di GIOVANNA LAGUARDIA 
L’Aglianico del Vulture prende posto tra i vini italiani a denominazione di origine controllata e garantita. A trentanove anni dal riconoscimento della doc per il corposo rosso del Vulture arriva finalmente la più prestigiosa etichetta di garanzia europea. È’ stata approvata ieri mattina a Venosa la proposta di disciplinare per la docg. Il 16 febbraio prossimo, ma a questo punto è solo una formalità, la commissione nazionale vini darà l’ok definitivo
• Questa «Docg» fa onore alla storia
Successo lucano «Aglianico del Vulture» ora etichetta europea
di GIOVANNA LAGUARDIA 

POTENZA - L’Aglianico del Vulture prende posto tra i vini italiani a denominazione di origine controllata e garantita. A trentanove anni dal riconoscimento della doc per il corposo rosso del Vulture arriva finalmente la più prestigiosa etichetta di garanzia europea. È’ stata approvata ieri mattina a Venosa la proposta di disciplinare per la docg. Il 16 febbraio prossimo, ma a questo punto è solo una formalità, la commissione nazionale vini darà l’ok definitivo. Subito dopo il discplinare sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Se entro trenta giorni non ci saranno reclami, la docg sarà definitivamente sancita da un decreto ministeriale. 

Le prime bottiglie «vip», contraddistinte da una fascetta identificativa sul collo, però, si potranno stappare soltanto tra quattro anni: per il docg «Superiore», infatti, è richiesto un invecchiamento di tre anni, mentre per il «Riserva » bisognerà aspettare cinque anni. Il lungo percorso di avvicinamento alla docg era iniziato nel 2006, con la costituzione di un gruppo di lavoro coordinato dalla Camera di Commercio di Potenza e composto dalla Cantina di Venosa, dall’Alsia, da Cia, Coldiretti e Confagricoltura, dal Consorzio di Tutela dell’Aglianico del Vulture Doc e dal Consorzio di Valorizzazione «Qui Vulture». All’Alsia era stato affidato il compito di avviare e di seguire l’iter di presentazione della domanda. Ora, dopo quattro anni di intenso lavoro, l’iter è concluso. In Basilicata la superficie investita a vigneto è di circa 4mila ettari, per una produzione complessiva di 230mila ettolitri di vino, di cui la gran parte pregiato. 

Oltre all’Aglianico del Vulture, infatti, ci sono anche le doc «Terre dell’Alta Val d’Agri», Matera e Grottino, la più recente. Attualmente sono una sessantina le aziende che producono Aglianico del Vulture a denominazione di origine controllata, con 141 etichette differenti e un totale di 3 milioni 600 mila bottiglie prodotte all’anno. È chiaro, però, che soltanto una piccolissima parte di queste potrà fregiarsi della docg, vuoi per la necessità di soddisfare rigidi parametri organolettici, vuoi perchè i produttori che sceglieranno la denominazione di origine controllata e garantita dovranno tenere immobilizzato il capitale vino per un lungo periodo. È indubbio comunque che il riconoscimento della docg costituisce, oltre che un traguardo di prestigio, un volano per lo sviluppo dell’intera economia vitivinicolo, come dimostra anche l’entusiasmo che hanno dimostrato i produttori lucani alla prospettiva di entrare finalmente nell’Olimpo dei grandissimi vini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie