Venerdì 15 Gennaio 2021 | 18:16

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baril'ordinanza
Bitritto, oltre al Covid anche rischio crollo: scuola elementare chiusa fino al 31 gennaio

Bitritto, scuola elementare a rischio crollo: chiusa fino al 31 gennaio

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
PotenzaDifesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
TarantoL'operazione
Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
FoggiaDalla polizia
Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Riapre il castello di Melfi

I restauri sono durati 40 anni, L'inaugurazione di alcune sale il 3 luglio prossimo
MELFI (POTENZA) - Al termine di lavori di restauro durati circa 40 anni, il prossimo 3 luglio riapriranno diverse sale del castello normanno di Melfi (Potenza), città dove si svolsero alcuni Concili e da cui, nel 1231, Federico secondo emanò le celebri «Constitutiones».
Il castello - che è sede di un Museo archeologico nazionale - fu edificato dai Normanni, ricostruito da Federico secondo, dotato di nuove torri da Carlo primo d' Angiò: nonostante i rimaggiamenti subiti durante i secoli, ha conservato l'aspetto di una fortezza, a lungo considerata inespugnabile per la sua posizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie