Mercoledì 03 Marzo 2021 | 07:06

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa nuova sede
Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

 
LecceUn 28enne
Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

 
Bat
Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

 
Covid news h 24Il virus
Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

 
BrindisiIl caso
Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

 
FoggiaIl caso
Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

 
MateraLa decisione
Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

 

i più letti

Giovane lucano «Sono papà, ma non mi è permesso»

di GIOVANNI RIVELLI
Lui è un operaio precario e, mentre il padre stava morendo, la sua donna ha scoperto di essere in dolce attesa. Il bimbo è nato, ma il papà non ha potuto vederlo. La compagna gli nega di vedere e riconoscere il figlio senza matrimonio. «Non permette nemmeno agli amici comuni di fare una foto»
Giovane lucano «Sono papà, ma non mi è permesso»
di GIOVANNI RIVELLI  

Storie di paternità negata. Storia di un ragazzo e una ragazza che, fidanzati da tempo, si trovano ad avere un figlio. Storia di lui che perde improvvisamente il padre, che quel matrimonio non lo vuole affrontare in tempi brevi. Storia di lei che, con la sua famiglia, decide di non far riconoscere il bambino che verrà al padre «senza il matrimonio», di non farglielo vedere. È una storia senza nomi (per tutelare il bimbo) quel dramma che si vive in un paese della Basilicata nord, al confine con la Puglia. 

«Voglio vedere mio figlio - dice Claudio - sapere che c’è è l’unica gioia della mia vita da quando ho perso mio padre. Ma la mamma non vuole». Claudio è un operaio precario del polo dell’auto di Melfi. Ma coi non molti soldi che guadagna ha messo a posto la casa dei genitori e ha chiesto alla sua fidanzata di andare a vivere insieme. «Non mi sentivo di sposarmi subito dopo la morte di mio padre, potevamno dare comunque una famiglia a nostro figlio, ho accettato di fare subito le pubblicazioni, e le abbiamo fatte, ma per sposarci più in là. Lei non ha voluto. Con la sua famiglia ha deciso che o ci sposavamo subito o quel figlio non lo avrei nemmeno visto».

I rapporti, a fine della scorsa estate, diventano tesissimi e i due iniziano a non vedersi più. Di fronte alla chiusura di lei, «mi ha anche minacciato di far adottare mio figlio a un altro uomo, mi ha mandato degli sms in cui diceva questo», Claudio le fa scrivere da un avvocato. In termini legali si chiama «diffida», ma ciò che chiede è di «fornire le dovute informazioni in merito a tempi e luogo della imminente nascita del bambino», invitando la madre «ad abbandonare il proposito di dare in adozione il nascituro, consentendo il riconoscimento del padre al momento della sua nascita». 

Ma la storia non è andata così. «Il bambino è nato - racconto Claudio - ma ancora non l’ho visto. Addirittura, quando la va a trovare qualche amico comune, non fa scattare nemmeno una foto col telefonino, per evitare che io possa vederlo anche in immagine. La condizione è sempre la stessa: sposarsi subito. Ma dopo quello che è successo i miei dubbi sono aumentati. Ho paura di una donna capace di far questo, dovremmo prima ricostruire la nostra storia, potremmo provarci, vorrei farlo. Vorrei provare a vivere con lei, con mio figlio, a costruire una storia felice. Ma lei e la sua famiglia non vogliono». 

La questione, ora, si trasferisce al Tribunale dei Minori. Una richiesta di riconoscimento del figlio su cui dovranno decidere i giudici. «Non è solo un diritto mio - dice il padre naturale - è un diritto anche del bambino. Ha diritto a entrambi i genitori. Io non voglio rinunciare a mio figlio, sono felice che ci sia anche se non l’ho visto. E non è giusto che lui debba rinunciare a me».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie