Venerdì 15 Gennaio 2021 | 22:49

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Potenza, piazza  Mario Pagano sarà  la più «elegante»

di LUIGIA IERACE 
Ne è convinta l’a rchitetto Gae Aulenti, capogruppo del team di progettisti, che ha dato vita al nuovo progetto di piazza Mario Pagano, frutto di scelte condivise al termine di un processo di partecipazione democratica. E così, dopo che il 20 gennaio, il progetto definitivo ha ottenuto il parere favorevole della Soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici, due giorni fa è arrivata l’approvazione da parte del Comune capoluogo
Potenza, piazza  Mario Pagano sarà  la più «elegante»
di LUIGIA IERACE 

Sarà la più «elegante piazza contemporanea» della città di Potenza. Ne è convinta l’a rchitetto Gae Aulenti, capogruppo del team di progettisti, che ha dato vita al nuovo progetto di piazza Mario Pagano, frutto di scelte condivise al termine di un processo di partecipazione democratica. E così, dopo che il 20 gennaio, il progetto definitivo ha ottenuto il parere favorevole della Soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici, due giorni fa è arrivata l’approvazione da parte del Comune capoluogo. 

Il lavoro è quindi tornato ai progettisti che entro il mese di marzo consegneranno il progetto esecutivo che porterà alla gara di appalto e all’inizio effettivo dei lavori entro luglio. Poi vorranno circa 5 mesi e a Natale la nuova piazza Mario Pagano sarà ultimata. «Le scelte progettuali originarie - ha sottolineato l’a rchitetto Antonio Maroscia, che fa parte del team di progettisti - sono state rielaborate raccogliendo i risultati positivi di un processo innovativo ed utile di partecipazione democratica che ha coinvolto, in modo attivo, tutti gli organi rappresentativi dei cittadini particolarmente interessati e coinvolti. È stato così compiuto, anche senza predeterminazione, un laboratorio di qualità urbana partecipata che costituirà un modello utile per altri casi di riqualificazione complessa». 
progetto piazza
Nessuno stravolgimento iniziale, ma una sorta di «rivisitazione» che ha dato vita a un vero «progetto sostenibile» proprio perché realizzato in sintonia con quanti poi vivranno la piazza e nella quale si riconosceranno. «È la conquista di una condivisione, qualcosa che va al di là dell’idea, del sogno del progettista, perché - ha spiegato l’architetto Maroscia - rispetta le caratteristiche di un luogo strategico della memoria collettiva. Lo spazio principale della vità cittadina non pensato né disegnato. Un “non luogo” pronto a diventare, attraverso questa rivisitazione la più elegante piazza contemporanea della città». 

Le linee progettuali guida risultano confermate sul ruolo strategico di piazza Mario Pagano con le proprie funzioni storiche e moderne, sui vicoli adiacenti ed in particolare sulla rivalutazione della Via Sacra, sulle scelte materiche e cromatiche relative alla nuova pavimentazione ed agli arredi urbani. Vengono superate le soluzioni di livellamento della piazza con la via Pretoria con la realizzazione di fontane artistiche di bordo tra la Piazza e la Via Sacra. Scompaiono quindi dal progetto le tanto contestate fontane. Tra gli edifici intorno alla piazza, il Teatro Stabile assume un ruolo primario determinando le geometrie del disegno di pavimentazione. È definito un camminamento laterale, di bordo, segnato da un filare di alberi sempre verdi, e panche in pietra per la sosta. Si realizza in questo modo una nuova e comoda area di sosta, attrezzata con panchine e protetta dall'irraggiamento solare. Scompare l’attuale tracciato dello stradino di servizio sul fronte dello Stabile, consentendo un reale ampliamento della superficie piazza. Particolare attenzione è stata posta nelle soluzioni tecniche per favorire il deflusso delle acque piovane.

progetto piazza Tecnologie avanzate prevedono il facile posizionamento sulla piazza di moduli temporanei, ma coperti, una sorta di gazebo, per facilitare un utilizzo più articolato degli spazi, soprattutto nella stagione invernale, mantenendo un disegno organico omogeneo, di alto standard qual itat ivo. Questa nuova soluzione consente di utilizzare una maggiore superficie per lo spazio dedicato alla piazza e quindi a tutti gli eventi possibili. Le ortogonalità tracciate sulla pavimentazione definita da pietre dei colore differente (grigio e sabbia) sono prolungate verso il Palazzo della Prefettura esaltando l'ingresso principale dello stesso. Il progetto prevede anche la necessità di mettere in opera elementi dissuasori fissi e mobili (a pistone idraulico) per bloccare qualsiasi accessibilità di autoveicoli nell'area della piazza. Saranno rimossi gli attuali lampioni in ghisa e sfere e sostituiti da corpi illuminanti costituiti da steli in acciaio inox con possibilità di soluzioni differenti di illuminazione, rapportata alle diverse ore notturne e dai differenti eventi. 

«Un progetto emblematico di un nuovo modello di partecipazione - ha spiegato l’assessore comunale alla Qualità Urbana, Alessandro Singetta - che ha recepito suggerimenti e critiche emersi durante i numerosi incontri con la cittadinanza, tenendo conto anche dell’ampio dibattito sviluppatosi sul sito del Comune».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie