Sabato 16 Gennaio 2021 | 09:36

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'annuncio
Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

 
PotenzaL'emergenza
Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
Leccetragedia evitata
Porto Selvaggio, donna resta bloccata sulla scogliera: salvata dai vigili del fuoco

Porto Selvaggio, donna resta bloccata sulla scogliera: salvata dai vigili del fuoco

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Droga, donne boss in Basilicata si dà "scacco alle regine"

In due anni, otto donne hanno preso il posto dei loro mariti, conviventi o fratelli – in carcere per reati connessi allo spaccio di droga – e hanno rinvigorito un’organizzazione con base fra Matera e Altamura (Bari), rendendola in grado di spacciare cocaina, eroina e hascisc, raccogliendo gli ordini anche attraverso e-mail e prenotazioni prese direttamente dagli spacciatori. E' quanto è emerso dall’operazione «scacco alle regine» con la quale la Polizia ha schierato 210 agenti e ha eseguito 32 ordinanze di custodia cautelare. Tutti i nomi degli arrestati
Droga, donne boss in Basilicata si dà "scacco alle regine"
MATERA – In due anni, otto donne hanno preso il posto dei loro mariti, conviventi o fratelli – in carcere per reati connessi allo spaccio di droga – e hanno rinvigorito un’organizzazione con base fra Matera e Altamura (Bari), rendendola in grado di spacciare cocaina, eroina e hascisc, raccogliendo gli ordini anche attraverso e-mail e prenotazioni prese direttamente dagli spacciatori. E' quanto è emerso dall’operazione «scacco alle regine» con la quale stamani, all’alba, la Polizia ha schierato 210 agenti e ha eseguito 32 ordinanze di custodia cautelare (18 in carcere e 14 agli arresti domiciliari). 

La maggior parte degli arresti sono avvenuti a Matera e in Puglia: tre anche a Milano, Viterbo e Biella. Tutto è cominciato all’inizio del 2008, quando una donna di nazionalità romena (ora in carcere), rimasta sola per l’arresto del marito, decise di prenderne il posto: il suo esempio fu seguito da altre donne, tutte legate sentimentalmente o da vincoli di parentela a uomini detenuti o indagati per reati relativi allo spaccio di droga. Nella banda, ogni donna prendeva semplicemente il posto del «suo» uomo: quindi, niente rivalità pericolose e inutili. Il particolare è stato reso noto oggi, a Matera, dal procuratore della Repubblica, Giuseppe Chieco, dal questore, Carmelo Gugliotta, e dal dirigente della squadra mobile, Nicola Fucarino. 

Secondo l’accusa, le otto «regine» (quattro in carcere da stamani, quattro ai domiciliari, fra le quali una incinta) hanno gestito la banda con determinazione e idee «innovative», forse anche tenendo forme di contatti con gli uomini detenuti. La determinazione l'hanno messa soprattutto nell’esigere il pagamento della droga da coloro che l’acquistavano: pressioni dirette e minacce pesanti. In un caso, un uomo ha dovuto vendere un immobile del valore di 30 mila euro per «rientrare» e non avere problemi. Le idee nuove sono state applicate per velocizzare lo spaccio: c'era chi utilizzava la posta elettronica per «ordinare». Gli spacciatori «sul campo», poi, avevano l’ordine di fare il giro di locali e luoghi di ritrovo dei tossicodipendenti per raccogliere le loro richieste e soddisfarle. Quando dovevano vedersi per risolvere qualche problema, le donne facevano riferimento alla necessità di «farsi una tinta» ai capelli o un «tatuaggio». Due spacciatori, marito e moglie, pur essendo in ospedale, nel 2009, per le conseguenze di un incidente stradale, riuscirono ugualmente a vendere una dose ad un tossicodipendente. Per sgominare la banda, la Polizia ha intercettato 127 utenze telefoniche fisse e mobili, raccogliendo circa 1.500 nominativi e accertando oltre duemila episodi di cessione di droga.

CHI SONO GLI ARRESTATI
Le quattro donne arrestate dalla Polizia e che ora si trovano in carcere nell’ambito  dell’inchiesta denominata “scacco alle regine”, su  un’organizzazione specializzata nello spaccio di droga, sono:  Zenovia Basangiu di 50 anni, di nazionalità romena, residente a  Matera, Caterina Paolicelli (42) di Altamura (Bari), Francesca  Monteverde (31) e Giuseppina Paolicelli (29) di Matera. Le altre  quattro che si trovano agli arresti domiciliari sono Samantha  Fusiello (29), Bruna Gravina (27), Chiara Bilancia (34) e Sonia  Zaccaro (20) di Matera. Le altre persone per le quali è stata emessa l’ordinanza di  custodia cautelare in carcere sono 14: Mana Shkelzen, di 33 anni  di nazionalità albanese, residente ad Altamura (Bari),  Vincenzo Angelastri (32) di Altamura, Domenico Bitetti (35) e  Pasquale Rocco Cici (28) di Santeramo in Colle (Bari), Antonio  Antezza (39), Francesco Carlucci (24), Vito Carlucci (27),  Fulvio Cellammare (31), Ivan Cifarelli (30), Luciano Rondinone  (35), Eustachio Nicoletti (33), Giovanni Monacelli (60),  Paolicelli Cosimo Damiano (42) e Vito Rondinone (36), di Matera.  Per questi ultimi tre il provvedimento è stato notificato in  carcere a Matera, dove sono detenuti per altra causa. Altre dieci persone si trovano agli arresti domiciliari:  sono Emilio Intelligenza (34 anni) di Aversa (Caserta), detenuto  a Viterbo per altra causa, Giovanni Centonze (21), Riccardo  Danzi (22), Mario De Filippis (46), Ludovico Galante (29),  Carmine Lascaro (40), Francesco Lippolis (40), Pietro Marinaro  (38), Antonio Stano (50) e Giuseppe Alessandro Vizziello (47) di  Matera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie