Venerdì 22 Gennaio 2021 | 17:53

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeCovid 19
Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
TarantoLa decisione
Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

 
HomeI dati
Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
PotenzaIl caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Si allontana per andare in bagno e viene licenziato

POTENZA - «Massimo Pignone, operaio dell' Italtractor di Potenza e membro della segreteria provinciale della Flm Uniti-Cub è stato licenziato. L'azienda gli contesta di essersi allontanato per pochi minuti dalla propria postazione, a causa di motivi fisiologici urgenti, recandosi al bagno senza avvisare il capoturno. Massimo Pignone si è limitato a rispondere con poche e civili battute alla provocazione, riprendendo normalmente il lavoro. Ma subito dopo è scattato il licenziamento». La difesa del posto di lavoro, d’ora in poi, non sarà più questione di diritto. Ma di catetere
Si allontana per andare in bagno e viene licenziato
POTENZA - «Massimo Pignone, operaio dell' Italtractor di Potenza e membro della segreteria provinciale della Flm Uniti-Cub è stato licenziato. L'azienda gli contesta di essersi allontanato per pochi minuti dalla propria postazione, a causa di motivi fisiologici urgenti, recandosi al bagno senza avvisare il capoturno. Massimo Pignone si è limitato a rispondere con poche e civili battute alla provocazione, riprendendo normalmente il lavoro. Ma subito dopo è scattato il licenziamento». È la ricostruzione denuncia del fatto secondo Italo Di Sabato, segretario regionale del Prc. 

«Massimo Pignone - ricorda Di Sabato - è stato uno di promotori della lotta contro la volontà dei dirigenti dell'Italtractor di porre in mobilità 190 lavoratori nel luglio 2009». A giudizio dell’esponente del Prc, dunque, il licenziamento avrebbe poco a che fare con l’episodio in sé ma sarebbe stato un modo per vendicarsi contro l’uomo impegnato nelle battaglie sindacali. Peraltro, dice Di Sabato, Pignone era già stato penalizzato «facendogli fare pochissime giornate di lavoro: l'azienda infatti è arrivata a fargli fare solo un giorno di lavoro a settimana. Molte volte neanche quello ». Pignone (famiglia con due figli) «ha dovuto sopravvivere con nemmeno mille euro al mese». E lui, con il suo camper, «è stato presente tutti i giorni nel caldo di agosto al presidio degli operai della Lasme di Melfi». E adesso è arrivato il licenziamento. Rifondazione comunista annuncia la mobilitazione sul caso. 

SE L'OPERAIO E' LICENZIATO PER «PIPÌ» IRREGOLARE 
di Mimmo Sammartino 
La crisi è crisi. E pensavamo di aver già veduto tutto: aziende che chiudevano e licenziavano a causa di una concorrenza imbarbarita; e altre, tutt’altro che «decotte», che (magari dopo aver fruito di lauti benefici pubblici) non hanno esitato a mettere sulla strada frotte di lavoratori perché c’è sempre un altrove in cui manodopera e diritti costano meno che qua. Tutto questo è già accaduto e (c’è da temere) continuerà ad accadere. Ma, anche nell’era della creatività al potere, che un lavoratore potesse essere messo alla porta per una «pipì» non autorizzata, non lo si era ancora visto. La difesa del posto di lavoro, d’ora in poi, non sarà più questione di diritto. Ma di catetere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie