Domenica 24 Gennaio 2021 | 13:52

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantocontrolli della ps
Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

 
LecceEconomia
Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

Le mareggiate "divorano" la costa della Basilicata

E’ di nuovo emergenza per l’erosione e l’arretramento delle coste della Basilicata, soprattutto sul litorale dello Jonio. Le mareggiate che si sono abbattute violentemente sugli arenili hanno continuato a risucchiare i tratti di spiaggia sabbiosa. La forza dirompente delle mareggiate ha aggravato una situazione resa negli ultimi cinquant'anni più fragile per il mancato apporto di detriti dei fiumi, sbarrati da dighe ed invasi necessari all’approvvigionamento dell’acqua
Le mareggiate "divorano" la costa della Basilicata
MATERA - E’ di nuovo emergenza per l’erosione e l’arretramento delle coste della Basilicata, soprattutto sul litorale dello Jonio. Le mareggiate che si sono abbattute violentemente sugli arenili hanno continuato a risucchiare i tratti di spiaggia sabbiosa. La forza dirompente delle mareggiate ha aggravato una situazione resa negli ultimi cinquant'anni più fragile per il mancato apporto di detriti dei fiumi, sbarrati da dighe ed invasi necessari all’approvvigionamento dell’acqua per i vari usi. 

L'anno scorso fu necessario in fretta e furia effettuare interventi di ripascimento del lido di Metaponto, una delle località balneari più importanti del turismo lucano, perchè il mare aveva ingoiato chilometri di sabbia. La stagione balneare iniziò così nel segno dell’incertezza. Quest’anno la calamità naturale si è ripetuta sulla costa di Scanzano Jonico. 

La Regione ha avviato delle attività di pianificazione degli interventi. Di concerto con l’Università della Basilicata si stanno studiando delle soluzioni che possano limitare l’onda d’urto delle mareggiate. La situazione è comunque complessa e la stessa Regione non nasconde che si tratta di una “situazione emergenziale”. 

Per gli interventi a lungo termine si è insediato un apposito Osservatorio regionale delle aree costiere che deve studiare quali sono le soluzioni migliori per frenare l’erosione costiera sia sullo Jonio che sul Tirreno e per questo la Basilicata intende interagire con le regioni con cui condivide in parte i litorali (Puglia per lo Jonio, Calabria e Campania per il Tirreno). 

LA REGIONE HA 63 CHILOMETRI DI COSTE, 25 SUL TIRRENO E 38 SULLO JONIO
Il litorale della Basilicata si estende per 63 chilometri ed è costituito dalla costa jonica (38 chilometri) e da quella tirrenica (25). Le due aree costiere sono soggette a dinamiche di trasformazione molto differenti. Sul Tirreno insiste solo Maratea (Potenza) con le sue 37 strutture ricettive mentre sulla costa jonica si affacciano Metaponto, Nova Siri, Pisticci, Policoro, Rotondella e Scanzano Jonico (Matera), dotate di un sistema ricettivo di 115 strutture. 

Da ricerche effettuate dal Gruppo nazionale per lo studio degli ambienti costieri risulta che circa il 75 per cento della costa jonica lucana è interessata da fenomeni erosivi in atto, con una situazione di rischio di erosione in genere molto elevato, soprattutto per l’effetto di esondazione dei corsi d’acqua, sempre più accentuati a partire dagli anni '60, che hanno portato alla scomparsa di ampi settori di spiaggia e di parte delle dune. Questi fenomeni hanno causato sia alterazioni degli ecosistemi che danni alle attività economiche ed agli insediamenti presenti nell’area. 

Altre cause dell’arretramento della linea di riva sono legate all’azione del mare oppure agli effetti indotti dall’uso del suolo e delle acque nei bacini idrografici dei corsi d’acqua con foce nel Mar Jonio. Infatti tra di esse è soprattutto il sostanziale decremento dell’apporto a mare di sedimenti ad opera dei corsi d’acqua lucani, bloccato in parte dall’imponente sistema di invasi e traverse realizzato a partire dagli anni '50 per garantire l’approvvigionamento idrico della Basilicata e della Puglia. Questo decremento da parte dei fiumi è stato indotto anche dal prelievo di sedimenti dalle fasce di pertinenza fluviale per la costruzione di importanti infrastrutture viarie ed idriche, dalle sistemazioni idraulico-forestali realizzate nei bacini idrografici per la difesa di centri abitati, infrastrutture e attivitè produttive, nonchè dalle innumerevoli situazioni di dissesto idrogeologico (frane ed alluvioni) che colpiscono l’intero territorio della Basilicata. 

ASSESSORE SANTOCHIRICO: NELL'IMMEDIATO AFFRONTARE SITUAZIONI PIU' URGENTI
Alle cause "storiche" dell’erosione si sono aggiunte pesantemente anche le contingenze. L’anno scorso toccò a Metaponto scontare la violenza delle mareggiate tanto che fu necessario il ripascimento, ovvero l’aggiunta di nuova sabbia per reintegrare quella risucchiate dalle onde. Nelle scorse settimane è stata colpita Scanzano Jonico, soprattutto in località Terzo Madonna, con danni alla pineta ed all’arenile. 

Immediata è stata la preoccupazione degli operatori turistici che temono un inizio a singhiozzo della stagione balneare così come è avvenuto l’anno scorso a Metaponto. La Regione, chiamata in causa dall’opposizione in Consiglio regionale a dare risposte immediate, ha già annunciato le misure che si stanno intraprendendo. 

“Nell’immediato occorre affrontare le situazioni più urgenti - afferma all’ADNKRONOS il vice presidente ed assessore all’Ambiente Vincenzo Santochirico -. E’ in corso un rapporto con l’Università per lo studio e l’individuazione delle misure maggiormente idonee. Gli uffici stanno predisponendo dei progetti da porre all’attenzione del Dipartimento delle infrastrutture e da finanziare. L’obiettivo è di rendere meno dirompente e meno invasiva l’azione delle mareggiate sulla costa. Ci sono diverse soluzioni tra cui quelle che si possono adottare anche in mare”. 

Infatti, a differenza del ripascimento, che è una soluzione tampone perchè riguarda solo il reintegro dell’apporto di sabbia, esistono nella pratica di contrasto all’erosione anche rimedi strutturali che proteggono la costa dal mare stessp. Su questo ci sono differenti scuole di pensiero in Italia e nel mondo. Si può ricorrere a soluzioni di tipo naturale, come la realizzazione di una scogliera di massi, oppure ricorrere alla tecnica, come i "pennelli soffolti", vale a dire barriere di sabbia o tubi elastici posati sul fondo del mare che riducono l’azione delle correnti sull’arenile. 

“Che sia una situazione critica quella delle nostre coste è sotto gli occhi di tutti - aggiunge Santochirico -. La Regione è comunque impegnata perchè si è dotata di una legge regionale di difesa delle coste. Con queste norme abbiamo insediato un Osservatorio delle coste che ha sia il compito di monitorare, sia il compito di pianificare interventi a lungo termine”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie