Lunedì 18 Gennaio 2021 | 09:15

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Manfredonia, il vaccino non c'è: cittadini in ansia

Manfredonia, il vaccino non c'è: cittadini in ansia

 
PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Violentavano e sfruttavano donne rumene: arrestati

Trenta ordinanze di custodia cautelare e alcuni fermi sono stati eseguiti in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Toscana, dopo la scoperta di una banda specializzata nel trasferire in Italia giovani da avviare alla prostituzione
POTENZA - Una trentina di ordinanze di custodia cautelare e alcuni fermi sono in corso di esecuzione da parte dei Carabinieri del comando provinciale di Potenza - in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Toscana - dopo la scoperta di una banda specializzata nel trasferire in Italia dalla Romania giovani donne poi violentate e sfruttate.
Le indagini dei militari sono cominciate circa un anno fa, quando fu bloccato nel Potentino un autofurgone carico di donne polacche giunte clandestinamente in Italia. Gli investigatori hanno accertato l'esistenza di un'associazione specializzata nel favorire l'immigrazione di giovani donne dalla Romania.
Giunte in Italia, in Campania, le donne venivano spesso violentate, «vendute» per essere sfruttate sessualmente da ristretti gruppi di uomini oppure per essere avviate alla prostituzione. I reati ipotizzati nell'inchiesta (l'operazione di stamani è stata denominata «Spartacus») sono quelli di associazione per delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina, allo sfruttamento della prostituzione, al sequestro di persona e alla violenza sessuale.

Le donne, spesso minorenni dovevano subire rapporti sessuali che rappresentavano la parcella che alcuni avvocati e commercialisti calabresi chiedevano ad una banda di sfruttatori italiani e romeni.
Nel paese dell'est europeo venivano reclutate le ragazze, dai 17 ai 21 anni: alcune come prostitute, altre come badanti e cameriere. A far passare loro la frontiera in auto erano spesso poliziotti romeni, corrompendo i colleghi.
In Italia le ragazze giungevano su furgoni o in treno, con un visto turistico. Per il viaggio pagavano 300 euro. Appena scese dal mezzo, venivano scelte come ad un mercato dai referenti italiani dell'organizzazione. Quelle destinate alla prostituzione venivano segregate in appartamenti fatiscenti o baracche. Uscivano solo per lavorare in altre case o in locali.
Sorte analoga subivano quelle destinate a lavori di badante o barista, per i quali dovevano anche pagare un' altra somma di denaro (sui 300-400 euro). Gli sfruttatori cercavano poi di convincerle a prostituirsi per arrotondare i guadagni.
Alcune ragazze venivano sistematicamente violentate dai componenti della banda: oltre alle misure cautelari, sono stati emessi sette fermi per violenza sessuale. Gli sfruttatori intascavano quasi tutti i guadagni delle loro vittime. Ciascun malavitoso poteva guadagnare fino a 5-6.000 euro ogni quindici giorni.
L' inchiesta della compagnia dei carabinieri di Acerenza (Potenza) era nata alla fine dell' anno scorso dalle denunce di due ragazze, stanche di essere sfruttate. Alcuni dei clienti (fra i quali i professionisti calabresi) sono stati denunciati per favoreggiamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie