Martedì 19 Gennaio 2021 | 23:14

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
PotenzaIl virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
BariIl caso
Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 

i più letti

Delitto Lanera: 18 anni e 6 mesi a Michele Ruberto

di MARCO TUCCI 
Diciotto anni e sei mesi di galera. Erano le 13,10 ieri nell’aula 5 al primo piano del palazzo di giustizia, quando il Giudice dell’Udienza Preliminare, Antonio Riccio, ha dato lettura pubblica della sentenza nei confronti del ventisettenne Michele Ruberto chiamato a rispondere, insieme al padre Vincenzo di 51 anni, della morte dell’avvocato Francesco Lanera (nella foto)
Delitto Lanera: 18 anni e 6 mesi a Michele Ruberto
MELFI - Diciotto anni e sei mesi di galera. Erano le 13,10 ieri nell’aula 5 al primo piano del palazzo di giustizia, quando il Giudice dell’Udienza Preliminare, Antonio Riccio, ha dato lettura pubblica della sentenza nei confronti del ventisettenne Michele Ruberto chiamato a rispondere, insieme al padre Vincenzo di 51 anni, della morte dell’avvocato Francesco Lanera. 

Nel dispositivo del verdetto il Gup ha concesso le attenuanti generiche equivalenti alle contestate aggravanti e applicata la diminuente connessa al rito, ha deciso per i 222 mesi di detenzione, oltre al pagamento delle spese processuali e di mantenimento in carcere, all’interdizione perpetua dai pubblici uffici ed a quella legale durante la pena, alla confisca di quanto in sequestro, al risarcimento danni nei confronti delle costituite parti civili, da liquidarsi in separata sede. Sancite altre pene accessorie e stabilito in 90 giorni il termine per il deposito della motivazione di tale sentenza. 

Michele Ruberto, in giaccone chiaro, ha ascoltato in maniera composta i provvedimenti presi a suo carico ed in silenzio si è riconsegnato agli agenti penitenziari. Presenti, ovviamente, i legali delle due parti. Giuseppe D’Addezio che ha curato gli interessi della famiglia Lanera ha commentato dicendo che «la condanna comminata ha riconosciuto la piena responsabilità dell’imputato. La sua partecipazione e concorso al delitto hanno senz’altro agevolato concretamente anche il comportamento criminoso del padre coimputato, che sarà giudicato a Potenza il prossimo 16 gennaio con il rito ordinario. 

Per quanto riguarda la famiglia - a cui non interessa la penaevidenzia D’Addezio- si ritiene pienamente soddisfatta di questa prima determinazione e dell’operato della Procura e degli investigatori. Giustizia finalmente è fatta e, soprattutto, si ribadisce la trasparenza ed onestà di Francesco Lanera, come uomo e come professionista». 

Sul versante opposto, Rita Di Ciommo che ha difeso Michele Ruberto ha riferito che «seppure sia ovviamente opportuno conoscere le motivazioni della sentenza onde potere esprimere un giudizio sereno, si deve dare il giusto rilievo alla circostanza che, a fronte di una richiesta di 30 anni, la condanna comminata dimostri in maniera inequivocabile come le dichiarazioni rese dal ragazzo, in questo lungo anno, siano state prese in debita considerazione dal giudicante. Pur tuttavia la difesa continua ad essere certa della innocenza del giovane Michele colpevole solo di essersi trovato inconsapevolmente nel posto sbagliato in un giorno sbagliato».
di MARCO TUCCI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie