Giovedì 28 Gennaio 2021 | 00:14

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

Valbasento, ancora un Natale amaro

di PIERO MIOLLA
Un tempo polo industriale d’eccellenza di Basilicata oggi è un deserto colmo di cattedrali. Ad un’analisi dettagliata, infatti, emerge come numerose siano le aziende che hanno chiuso di recente i battenti, lasciando migliaia di lavoratori in mezzo ad una strada ed acuendo, così, quel trend negativo che si registra da più di un lustro a questa parte
Valbasento, ancora un Natale amaro
di PIERO MIOLLA 

PISTICCI SCALO - Che Natale sarà per la Valbasento, un tempo polo industriale d’eccellenza di Basilicata ed oggi deserto colmo di cattedrali? La risposta non è mai stata così facile: pieno di ansie ed incertezze. Ad un’analisi dettagliata, infatti, emerge come numerose siano le aziende che hanno chiuso di recente i battenti, lasciando migliaia di lavoratori in mezzo ad una strada ed acuendo, così, quel trend negativo che si registra da più di un lustro a questa parte. 

Ultimo esempio, quello della Soften: 30 dipendenti impegnati nella produzione di tessuto non tessuto. Dopo aver stroppato la produzione ad ottobre 2008, è di qualche giorno fa la notizia della definitiva resa: per le maestranze non ci sono più speranze di tornare al lavoro, anche perché, nel contempo, la Ara, società capogruppo, è fallita ed il capannone di Pisticci è stato ipotecato da Tecnoparco per la persistente morosità nel pagamento dell’energia. 

Non stanno meglio gli 80 operai della Panasonic (produzione di laminati per l’industria elettronica: anch’essa chiusa ad ottobre 2008), attualmente in cassa integrazione guadagni straordinaria, per il cui opificio s’era paventato l’acquisto da parte di un’azienda cinese. Al momento, si attende una risposta sulla proroga della cigs e l’esito di eventuali offerte nell’ambito del bando sulla reindustrializzazione. 

Stessa sorte, più o meno, per i 38 operai della Green Leather (settore concia) con cigs in deroga a tutto il 2009, i quali, per evitare il licenziamento, attendono l’intervento dell’assessore regionale al Lavoro Antonio Autilio. E che dire dei 540 operai, tra cig e mobilità in deroga, che usufruiscono di un assegno pari a circa 350 euro mensile, erogati ogni 4 mesi? 

«La verità – commenta Maurizio Girasole, della Filcem – è che, per il 2010, c’è il buio assoluto. Mentre in altre re gioni gli accordi quadro per la gestione del decreto anticrisi sono stati siglati, qui da noi la regione cincischia ed alcune categorie di lavoratori (i co.co.pro. e gli ultracinquantacinquenni, ndr) galleggiano per non affogare. Come sindacato, su tali vertenze, faremo tutto il possibile, ma credo che i tavoli istituzionali, a partire da quello prefettizio, debbano dare risposte immediate e chiare». E così, per la Valbasento, sarà l’ennesimo Natale di ansie e preoccupazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie