Venerdì 22 Gennaio 2021 | 21:20

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Val D'Agri, è guerra per la sede del parco

Due sedi per un parco. E’ quello che accadrà all’area protetta della Val d’Agri, che avrà la sede ufficiale a Marsiconuovo e il centro servizi a Moliterno (e non a Montemurro come erroneamente ipotizzato da alcune voci). La decisione, però, non è piaciuta al sindaco di Spinoso, comune che aveva ospitato provvisoriamente l’ente. «Aver inserito il 100 per cento del territorio comunale nel parco non rappresenta più un vantaggio per Spinoso, anzi rischia di diventare un vincolo» tuona il primo cittadino
Val D'Agri, è guerra per la sede del parco
SPINOSO - Due sedi per un parco. E’ quello che accadrà all’area protetta della Val d’Agri, che avrà la sede ufficiale a Marsiconuovo e il centro servizi a Moliterno (e non a Montemurro come erroneamente ipotizzato da alcune voci). La decisione, però, non è piaciuta al sindaco di Spinoso, comune che aveva ospitato provvisoriamente l’ente. «Aver inserito il 100 per cento del territorio comunale nel parco non rappresenta più un vantaggio per Spinoso, anzi rischia di diventare un vincolo» tuona il primo cittadino di Spinoso, Pasquale De Luise. 

La notizia è stata appresa con la delibera n. 18 datata 3 dicembre 2009. Il Comune di Spinoso, che ospitava provvisoriamente l’ente e si era impegnato a finanziare per un milione di euro il recupero e l’ultimazione del palazzo Ranoni affinché diventasse la sede definitiva del parco, resta così escluso. Scelta incomprensibile per amministratori e cittadini, sia perché il paese è l’unico ad essere completamente all’interno dei confini del parco sia per le modalità di individuazione delle suddette sedi. «Sono a favore del parco – dice Pasquale De Luise - La cosa che mi rammarica è che avendo il 100 per cento del territorio nel parco e avendo anche fatto una forzatura in passato per ottenere ciò, rispetto agli interessi della popolazione (all’epoca sono state raccolte 800 firme di cittadini contrari alla perimetrazione totale), oggi non veniamo considerati. Alla base della decisione ci sono questioni politiche e un atto d’imperio: il decreto istitutivo del parco (art.2) prevede che la sede dello stesso venga individuata dal consiglio direttivo, mentre i paesi interessati non sono stati interpellati». 

Se la decisione sarà confermata, Spinoso si attiverà per non dover «subire vincoli» (urbanistici, agropastorali, artigianali, di caccia) senza ottenere in cambio vantaggi. «In consiglio comunale – annuncia il primo cittadino – chiederò di approvare una delibera di riperimetrazione del parco e potrei anche pensare di indire un referendum per l’uscita dal parco stesso». 

Da parte sua, invece, il commissario del parco rassicura: «Le scelte su Marsiconuovo e Moliterno sono legate al fatto che hanno contenitori immediatamente utilizzabili - sottolinea - Spinoso e San Martino d’Agri, invece, non li hanno. Appena saranno pronti, avranno assegnati anche loro uffici per i servizi del parco».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie