Venerdì 15 Gennaio 2021 | 16:17

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
TarantoL'operazione
Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

 
MateraL'intervista
Matera, prefetto Argentieri: «La percezione sociale porta la gente a stupirsi anche per un furto»

Matera, prefetto Argentieri: «La percezione sociale porta la gente a stupirsi anche per un furto»

 
Batnel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
FoggiaDalla polizia
Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

Foggia, viola il divieto di avvicinamento alla ex: arrestato 59enne

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Nave dei veleni, nuove rivelazioni da ex-boss 'ndrangheta

di PINO PERCIANTE 
Emilio Di Giovine, ex boss della 'ndrangheta di Reggio Calabria, sarebbe pronto a confermare e precisare le dichiarazioni del pentito Francesco Fonti e, appena si sarà ripreso da un incidente, dovrebbe essere sentito dalla Commissione antimafia. La Commissione ha giudicato inattendibile Fonti il quale disse che, in Calabria, al largo di Cetraro, c'era una nave dei veleni. Una nave è stata trovata. Ma, secondo quanto comunicato dal Ministero dell'Ambiente, si tratterebbe solo di un relitto da guerra: il «Catania»
Nave dei veleni, nuove rivelazioni da ex-boss 'ndrangheta
MARATEA - Sembra riaprirsi la vicenda delle «navi dei veleni ». C’è un altro pentito disposto a rivelare la sua verità sulle cosiddette «navi a perdere». L’avvocato Claudia Conidi, legale di Francesco Fonti, il primo pentito che ha raccontato la storia degli affondamenti programmati di navi cariche di sostanze tossiche e radioattive, ha segnalato nei giorni scorsi alla Commissione d’inchiesta sulle ecomafie la testimonianza di Emilio Di Giovine, ex boss della ‘ndrangheta di Reggio Calabria: «Ho incontrato Di Giovine in occasione di un processo – riferisce l’avvocato Conidi – e mi ha spiegato di aver raccontato la storia degli affondamenti durante un interrogatorio nel 2004. Ho ritenuto utile chiedere alla commissione di ascoltare la sua testimonianza». 

Di Giovine è stato per molto tempo il compagno della figlia di Theodor Cranendonk, quest’ultimo, secondo i magistrati milanesi trafficante di armi e droga. In casa di Cranendonk sarebbe stata trovata copia del progetto Odm per smaltire i rifiuti pericolosi in mare: siluri imbottiti di materiali scomodi, sparati sotto il fondo dei mari e degli oceani. Appena Emilio Di Giovine si sarà ripreso da un incidente dovrebbe quindi essere sentito dalla Commissione antimafia che ha giudicato inattendibili, per quanto riguarda le «navi dei veleni», le dichiarazioni del pentito Francesco Fonti. Questi disse che, in Calabria, al largo di Cetraro, c’era una nave dei veleni. Una nave è stata trovata. Ma, secondo quanto comunicato dal Ministero dell’Ambiente, si tratterebbe solo di un relitto da guerra: il «Catania ». 

Fonti aveva parlato di una nave fatta affondare anche a largo di Maratea, la Yvonne A. Ma anche in questo caso le ricerche, condotte nello scorso mese di novembre dalla nave «Mare Oceano», hanno dato esito negativo. Cosa dirà ora Emilio Di Giovine alla Commissione parlamentare? Secondo quanto si è appreso, Di Giovine sosterrebbe le stesse tesi di Fonti, ossia le navi dei veleni ci sono, sono nei nostri mari con il loro carico letale.
PINO PERCIANTE

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie