Martedì 09 Marzo 2021 | 11:51

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa decisione
Bari, al Policlinico arrivano autocertificazioni per i furbetti del vaccino Covid

Bari, al Policlinico arrivano autocertificazioni per i furbetti del vaccino Covid

 
PotenzaCinema
Potenza, ciak del film «La notte più lunga dell'anno», nel cast anche Ambra

Potenza, ciak del film «La notte più lunga dell'anno», nel cast anche Ambra

 
FoggiaL'episodio
Rubati 200 pneumatici da tir in autostrada nel Foggiano, recuperati a Cerignola

Rubati 200 pneumatici da tir in autostrada nel Foggiano, recuperati a Cerignola

 
TarantoNel tarantino
«Se non torni con me ti sfiguro con l'acido», arrestato 24enne a Statte

«Se non torni con me ti sfiguro con l'acido», arrestato 24enne a Statte

 
LecceNel Salento
Lizzanello, 12 consiglieri firmano dimissioni: cade amministrazione comunale sindaco Pedone

Lizzanello, 12 consiglieri firmano dimissioni: cade amministrazione comunale sindaco Pedone

 
BrindisiL'operazione
Droga e furti d'auto nel Salento: 8 arresti tra Brindisi e Lecce

Droga e furti d'auto nel Salento: 8 arresti, coinvolta anche la Scu

 
MateraIl caso
Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

 
BatIl caso
Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

 

i più letti

Potenza, sì auto no agli autobus

di MASSIMO BRANCATI
Nel capoluogo lucano circolano 66 vetture ogni 100 abitanti. Siamo tra le città più «motorizzate» del Paese. Al contrario la media dell’utilizzo di mezzi pubblici è la più bassa d’Italia. Eppure andare in pullman conviene. Ogni anno il Comune versa al Cotrab circa 8 milioni di euro a cui sottrarre gli introiti di 700 mila euro. Conto decisamente in rosso
Potenza, sì auto no agli autobus
di MASSIMO BRANCATI

Ai potentini piace l’auto privata. Nel capoluogo lucano c’è uno dei più alti tassi di vetture circolanti, 66 ogni 100 abitanti, superiore alla media nazionale che è di 61. Nonostante la difficoltà di trovare un parcheggio, il traffico, gli ingorghi, i rallentamenti, in città si continua a circolare con le automobili, snobbando il servizio di trasporto pubblico. Il record di utilizzo di vetture si riflette inevitabilmente sull’utenza dei bus: ogni potentino, in media, sale appena 18 volte in un anno su un autobus del servizio pubblico. A Perugia, una città che ha forti analogie con il capoluogo lucano per dimensioni e sistema di trasporto (le scale mobili e gli ascensori), la media sale a 28. Si dice che il servizio del Cotrab sia carente. 

Lo si diceva, a dire la verità, anche quando a gestire i bus c’erano altre società. Si parla di tempi non rispettati, di corse saltate, di ritardi. Ma, orologio alla mano, circolare su un pullman in città conviene. È la conclusione a cui è arrivato il cosiddetto «Trofeo Tartaruga», iniziativa di Legambiente che ogni anno «cronometra» i mezzi di trasporto per verificarne l’efficienza e l’impatto ambientale. Nell’ultima edizione sono stati testati due partecipanti in auto, uno in bici, un altro in scooter, due coraggiosi a piedi e una persona che si è rivolta al servizio taxi. Bisognava percorrere un itinerario dalla stazione ferroviaria di Potenza inferiore al centro storico della città. Primo al traguardo, in soli 11 minuti l’auto con «passeggero»: ma il conducente ha impiegato altri venti minuti per trovare un grattino e un angolo per la sosta della vettura. 

Subito dopo è arrivato l’autobus in 15 minuti e poi, in sequenza, ad un minuto di distanza l’uno dall’altro, il ciclista, i pedoni, lo scooter. Non classificato il cittadino del taxi, che dopo aver telefonato invano per mezz'ora ai tre numeri sull'elenco telefonico ha rinunciato. Spostarsi con il bus, dunque, significa accorciare i tempi ed evitare la «croce» del posto-auto. Ma i potentini non ne vogliono sapere e il loro atteggiamento si riverbera sulle casse del Comune. Al Cotrab, l’attuale gestore del servizio, l’amministrazione comunale - che trattiene l’impalpabile incasso dei biglietti venduti - versa 3 euro a chilometro che in un anno diventano 8 milioni di euro. A cui bisogna togliere gli introiti che si aggirano sui 700 mila euro. Resta un conto in rosso di 7 milioni e 300mila euro. Incentivare l’uso dei bus, insomma, significa anche ammortizzare una perdita che assume i contorni dell’emergenza finanziaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie