Sabato 23 Gennaio 2021 | 06:42

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

A Senise quel ponte  finanziato ma  non ancora realizzato

di MARIAPAOLA VERGALLITO 
E’ stato finanziato nel mese di febbraio scorso dalla Regione Basilicata, Dipartimento Infrastrutture, con quasi mezzo milione di euro nel complesso: il ponte sul torrente Serrapotamo a Senise, farebbe contenti molti cittadini senisesi. Almeno quelli per i quali il passaggio sarebbe utile per evitare due strade alternative lunghe numerosi chilometri. E soprattutto, dice la gente, per togliere i piccoli mezzi agricoli dalle strade a percorrenza più veloce
A Senise quel ponte  finanziato ma  non ancora realizzato
di MARIAPAOLA VERGALLITO 

SENISE - E’ stato finanziato nel mese di febbraio scorso dalla Regione Basilicata, Dipartimento Infrastrutture, con quasi mezzo milione di euro nel complesso: il ponte sul torrente Serrapotamo a Senise, farebbe contenti molti cittadini senisesi. Almeno quelli per i quali il passaggio sarebbe utile per evitare due strade alternative lunghe numerosi chilometri. 

E soprattutto, dice la gente, per togliere i piccoli mezzi agricoli dalle strade a percorrenza più veloce. Una sarebbe la Statale Sinnica; l’altra è l’ex statale 104. Dal mese di febbraio, dopo proteste e addirittura una petizione popolare, del ponte non si è più parlato pubblicamente. Ma il progetto va avanti, come spiega l’assessore comunale ai lavori pubblici, Giuseppe De Donato. 
«Il progetto è nella fase esecutiva - dice- ma ha subito dei rallentamenti solo perché abbiamo dovuto adeguarlo alle recentissime normative in materia di strutture antisismiche, prevedendo il rafforzamento dei materiali ferrosi necessari per la sua costruzione. E’ un passaggio che richiede l’utilizzo di ulteriori fondi, che dovrebbero ammontare ad un più 15-20 per cento rispetto all’importo iniziale, nel quale, comunque, eravamo riusciti ad entrarci ai limiti». 

«Stiamo valutando esattamente l’importo necessario - conclude De Donato - e abbiamo fatto già richiesta alla regione per avere ulteriori fondi che, in caso di risposta negativa, dovranno essere a cura del Comune stesso al fine di realizzare l’opera. Abbiamo preferito aspettare e valutare bene l’aspetto economico, per evitare, al contrario, di trovarci senza soldi con metà struttura già realizzata». 

Quella del ponte-passerella sul Serrapotamo è una richiesta che, dopo anni e forse decenni, è pronta a trovare concretezza. Si tratta di un passaggio sul torrente Serrapotamo (che con le piogge delle ultime settimane proprio torrente non è), in grado di consentire l’attraversamento ai numerosi agricoltori (e non solo) che devono recarsi da una parte all’altra della fiumara. L’utilità del passaggio sarebbe dimostrata dal fatto che, alcuni anni fa, qualcuno ha anche provveduto alla meglio a realizzare in quello stesso punto una piccola passerella (non autorizzata ufficialmente). Questo perché in quel punto, l’unica soluzione di possibile autorizzazione sarebbe un ponte vero e proprio, dato che si tratta, nei fatti, di attraversare un corso d’acqua. Fino ad ora, però, nonostante le richieste, questa soluzione era rimasta inascoltata evidentemente perché il Comune non ha mai avuto la disponibilità dei fondi necessari per la costruzione del ponte. Da qui il finanziamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie