Sabato 06 Marzo 2021 | 13:22

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCon la «Uno bianca»
Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

 
Foggianel foggiano
Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

 
PotenzaIndustria
Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

 
LecceDia
Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

Un «agguato»  qull'autovelox sulla Sinnica

di ENZO PALAZZO
Le nuove disposizioni ministeriali sull’uso dell’autovelox da parte delle amministrazioni cittadine non sembrano riguardare i vigili urbani di Valsinni. La postazione dell’autovelox della città di Isabella Morra era infatti nascosta dietro il palo di metallo della cartellonistica stradale, spesso una cinquantina di cm., subito dopo la galleria sulla Sinnica. Per maggior sicurezza nell’occultamento, ad aumentare lo spessore del nascondiglio, veniva messa l’auto di servizio, parcheggiata giusto all’angolo dello svincolo in una posizione probabilmente pericolosa. Una trappola istituzionale vera e propria
Un «agguato»  qull'autovelox sulla Sinnica
di ENZO PALAZZO

VALSINNI - Le nuove disposizioni ministeriali sull’uso dell’autovelox da parte delle amministrazioni cittadine non sembrano riguardare i vigili urbani di Valsinni. La postazione dell’autovelox della città di Isabella Morra era infatti nascosta dietro il palo di metallo della cartellonistica stradale, spesso una cinquantina di cm., subito dopo la galleria sulla Sinnica. Per maggior sicurezza nell’occultamento, ad aumentare lo spessore del nascondiglio, veniva messa l’auto di servizio, parcheggiata giusto all’angolo dello svincolo in una posizione probabilmente pericolosa. Una trappola istituzionale vera e propria per chi procede in direzione nord-ovest, verso Senise, in pieno contrasto con le nuove disposizioni che chiedono un comportamento trasparente alle amministrazioni cittadine, dato che la normativa che regola l’uso degli autovelox parla di un uso dissuasivo e non punitivo dello strumento di rilevament o.

Lo si affermava nel vecchio ordinamento, lo si riafferma con maggiore chiarezza nelle nuove disposizioni varate un paio di mesi fa dal Ministero dell’Interno: sia l’autovelox che la pattuglia devono essere ben visibili, anche con la segnaletica mobile messa per terra e posta entro i 400 metri dall’autovelox , a n ch ’esso ben visibile come tutta la pattuglia. Una disposizione che ha avuto il merito di porre fine anche ad una indecorosa gara di fantasia tra i tutori dell’ordine stradale, su chi trovava, tra siepi, muri e guardiole varie, i nascondigli più originali e più proficui per le casse del Comune. 

autovelox SinnicaChe si tratti di “agguato” vero e proprio della postazione di Valsinni, lo dice non solo il posizionamento dell’autovelox, ma anche l’assenza della segnaletica a terra (c’era solo un cartello generico verticale a 600 metri circa) e la decisione di mettere l’autovelox su uno svincolo immediatamente all’uscita di un tunnel. Dove il limite di velocità è di appena 60 km. orari e dove c’è quasi la certezza di beccare ogni automobilista in transito. Anzi, e qui sta la gravità peggiore del comportamento poco istituzionale dei vigili di Valsinni, l’autovelox è stato nascosto in un punto molto pericoloso, probabilmente per aumentare le possibilità di prendere di sorpresa gli automobilisti, ma senza calcolare il rischio di tamponamenti da istintiva e improvvisa frenata. Come è già accaduto nel recente passato ad altre postazioni nascoste di vigili urbani. 

Un giudice di pace di Potenza, in una condizione meno pericolosa e meno aggressiva di questa di Valsinni (sulla Basentana, con autovelox nascosto dalla Polizia stradale di Potenza in una curva a gomito e non dopo un tunnel con svincolo) ha fatto giurisprudenza in tal senso, un paio di anni fa (dunque già col vecchio ordinamento), dando ragione all’automobilista che contestò la multa subita in difformità dall’intento della legge. Un buon motivo di contestazione, oggi più di ieri, anche per tutti quegli automobilisti che in questi giorni sono stati multati dall’autovelox di Valsinni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie