Venerdì 22 Gennaio 2021 | 19:42

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
Covid news h 24Al San Giacomo
Covid, la denuncia della Lega: «A Monopoli niente test rapidi: bisogna andare a Bari»

Covid, la denuncia della Lega: «A Monopoli niente test rapidi: bisogna andare a Bari»

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Nel Potentino un allevamento-lager

di GIOVANNI RIVELLI 
Bestie non registrate, carcasse di animali putrefatti, scarichi nel torrente Pergola. E proprio Una segnalazione sull’inquinamento del torrente ha portato all’ispezione della Polizia Provinciale con esiti sorprendenti. Il proprietario ha detto di non aver seppellito i suini morti in attesa che i cani randagi li mangiassero risolvendo il problema
• Sterco a ridosso del torrente
• «Attenzione a comprar carne dai circuiti non ufficiali»
Nel Potentino un allevamento-lager
di GIOVANNI RIVELLI 

BRIENZA - Un vero e proprio «lager» per maiali, con condizioni igieniche pessime, suini addossati uno all’altro, carcasse di animali morti in putrefazione lasciate sul piazzale, animali non registrati (e quindi non inseribili nel ciclo legale della macellazioni) e liquami, altamente inquinanti, che finivano direttamente nel torrente Pergola. È quanto ha scoperto la Polizia Provinciale in un allevamento di Brienza, in contrada Madonna degli Angeli, facendo verifiche su una lettera anonima che lamentava l’inquinamento di quel torrente. Ma alla fine, il quadro messo insieme dagli investigatori è andato oltre il solo problema ambientale e il titolare dell’allevamento è stato denunciato anche per maltrattamenti di animali. 

Una scena da voltastomaco quella che si sono trovati davanti gli agenti che, oltre a denunciare la cosa alla Procura hanno effettuato anche una segnalazione all’Asl. A partire da quelle carcasse lasciate a marcire. Una situazione assurda rispetto alla quale il titolare si giustificava dicendo di «non aver avuto il tempo per scavare delle buche ed infossare le carcasse e che sperava che qualche cane randagio attratto dall’odore venisse a mangiarle». 
E di fatti, poco dopo, «sopraggiungeva un cucciolo di cane, che portava in bocca un maialetto morto appena nato con il quale giocava». Il tutto mentre i maiali erano letteralmente «stipati» nelle gabbie senza possibilità di movimento e la poca pulizia attirava migliaia di mosche. 

Ma i problemi vanno oltre il recinto dell’azienda, con l’inquinamento del fiume. Innanzitutto il letame bovino (nellazienda si allevano anche mucche) è stato trovato ammassato senza alcuna cautela proprio a ridosso del vallone in cui scorre il torrente. Inoltre, le vasche per la raccolta ed il trattamento degli escrementi dei suini presentavano due vistose perdite da cui letteralmente zampillavano le deiezioni che precipitando sul terreno creavano un rigagnolo maleodorante verso valle sino allo stesso torrente. 

Inoltre le due saracinesche di apertura che sarebbero dovute servire a scaricare i reflui fognari e metterli nella cisterna per la fertirrigazione erano poste su una scarpata senza strada. Impossibile accedere con la cisterna, il sospetto è che le saracinesche, un volta aperte, lasciano precipitare i reflui nel pendio verso il torrente Pergola. Ma anche l’inquinamento non finisce lì. Perchè nell’azienda sono stati trovati diversi rifiuti, tra cui diverse decine di lastre di eternit, i pannelli di cemento amianto, proprio accanto alle stalle. Da dove provenissero è uno degli elementi ancora da accertare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie