Sabato 16 Gennaio 2021 | 12:53

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Newsweekla speranza
Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

 
Baristalking
Santeramo, perseguita la ex e le incendia auto: arrestato 40enne

Santeramo, perseguita la ex e le incendia auto: arrestato 40enne

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

 
Materal'annuncio
Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 

i più letti

Melfi, le storiche mura  malate di inciviltà e  in stato di abbandono

Ancora più bisognosi di intervento concreto, i 4 chilometri delle mura che cingono il nucleo antico di Melfi. Poco o nulla è cambiato rispetto ad una storia millenaria e, più recentemente, agli appelli lanciati lo scorso marzo in un convegno apposito, organizzato dalla sede locale dell’Archeoclub d’Italia
• «Questi gesti non offrono una bella immagine»
Melfi, le storiche mura  malate di inciviltà e  in stato di abbandono
di MARCO TUCCI

MELFI - Ancora più bisognosi di intervento concreto, i 4 chilometri delle mura che cingono il nucleo antico di Melfi. Rispetto ad una storia millenaria e, più recentemente, agli appelli lanciati lo scorso marzo in un convegno apposito, organizzato dalla sede locale dell’Archeoclub d’Italia. Durante quel dibattito, in particolari, si presentarono gli esiti di una ricognizione effettuata nel settembre 2008. Poco o nulla è cambiato e, quindi, resta attuale lo stato di abbandono e degrado che caratterizza i tre quarti del perimetro.

mura di Melfi In relazione alla normale usura del tempo per l’influenza degli agenti climatici ai fenomeni umani di grave abusivismo edilizio, mediante l’edificazione addosso alle mura stesse, di depositi di varia natura e ricoveri di animali. Tutto, ovviamente, in spregio all’attenzione che, invece, necessitano queste e tutte le memorie del passato. Pertanto, gli associati melfitani di un’organizzazione davvero benemerita rinnovano «l’allerta all’opinione pubblica richiamando pure i soggetti istituzionali, con le potenzialità idonee, a reperire i fondi indispensabili ad attuare immediate opere di recupero e conservazione futura del lungo monu mento». Enti destinatari, ognuno per le proprie possibilità, la Comunità Europea, il Ministero dei Beni Culturali, la Regione Basilicata, le Soprintendenze competenti ed il Comune. Che, purtroppo, dovrà pure fare fronte a fenomeni di pressappochismo o, peggio, autentica inciviltà. Fattori che, ovviamente, sono facilmente riscontrabili e fermati sulle immagini che vi proponiamo. 

mura di Melfi Come la macchina tranquillamente parcheggiata sopra la Porta Calcinaia a fare da enorme stonatura dello scenario e non ostante che lì, da poco, è stato ristrutturato il piano calpestabile. Vero che ci sono le case vicino, ma sostare qualche metro più in là non sarà uno sforzo insopportabile. Se non bastasse, ecco poi le solite scritte sentimentali prese in prestito da libri o pellicole, e quelle che ricordano la radice da cui si proviene, come se fosse obbligatorio farlo sui pezzi di storia e, per giunta, su quelli meglio conservati. «Non posso che ribadire l’utilità di una maggiore educazione - ha evidenziato il sindaco Navazio - sottolineando, insieme, che il ripristino costerà migliaia di euro di soldi pubblici».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie