Martedì 19 Gennaio 2021 | 13:49

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Policlinico Bari, la Procura fa appello: «Nei tubi c'è ancora legionella»

Policlinico Bari, la Procura fa appello: «Nei tubi c'è ancora legionella»

 
LecceNel Salento
Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
PotenzaLa pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
Foggianel Foggiano
Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Imprenditore ucciso a Como era emigrato da San Fele

di GIOVANNI RIVELLI
Antonio Di Giacomo, l'imprenditore 46enne, residente a Colico (in provincia di Como), rinvenuto cadavere nel suo furgone sabato sera, sarebbe stato ucciso già venerdì, forse nel primo pomeriggio. Di Giacono era partito da San Fele nel 1972, a 9 anni, coi genitori, i 3 fratelli e la sorella per stabilirsi nel Lecchese
• La cronaca del giorno in cui fu ritrovato il cadavere
Imprenditore ucciso a Como era emigrato da San Fele
POTENZA - L’omicidio è più una certezza che un’ipotesi. Antonio Di Giacomo, il 46enne originario di San Fele e residente a Colico rinvenuto cadavere nel suo furgone sabato sera, sarebbe stato ucciso già venerdì, forse nel primo pomeriggio, poco dopo essere uscito di casa, a mezzogiorno. Sono vari gli elementi che fanno pensare a questo. Innanzitutto il telefono. Il cellulare di Di Giacomo sarebbe stato spento quasi subito. Dopo una chiamata alle 12.30 le «celle» del sistema telefonico non hanno agganciato più quell’utenza. Ma che tutto sia avvenuto venerdì pomeriggio lo depone anche il «Mercedes Vito» giallo nel cui vano di carico è stato trovato il cadavere. 

Un residente di Tavernerio, dove è stato rinvenuto, lo aveva notato già nella serata di venerdì, ma senza farci caso più di tanto. Nelle vicinanze vive un fratello della vittima quel mezzo con le insegne della «Wind service» era già stato visto in zona. Una zona definita «ideale», per un delitto. Un parcheggio al centro di un’area residenziale, ma lontano dalle case e vicino alla statale. Sabato, dopo che la moglie Cecilia aveva denunciato la scomparsa, quel furgone lo ha però visto un nipote di Antonio. Ha chiamato la polizia che ha fatto la macabra scoperta. Il mezzo era aperto, e Di Giacomo era steso a pancia sotto, senza scarpe, sdraiato in un grosso armadio di plastica grigia con su un telo verde da cui spuntavano i piedi, tra scatoloni carichi di cialde di caffè. La testa era avvolta in un sacchetto di cellofane. Forse chi lo ha colpito ha voluto evitare eccessivo spargimento di sangue. 

Antonio Di Giacono era partito da San Fele nel 1972, a 9 anni, coi genitori, i 3 fratelli e la sorella per stabilirsi nel Lecchese. Da una ventina di anni viveva a Colico (Co) dove aveva rilevato un rustico, lo aveva sistemato e aveva messo su famiglia. Prima falegname, poi la nascita della Wind Service, chiamata così poichè Antonio era un grande amante del surf al punto che in un primo momento dopo la scomparsa si era pensato proprio a un incidente sportivo. Ma non era così. 
GIOVANNI RIVELLI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie