Mercoledì 03 Marzo 2021 | 07:07

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa nuova sede
Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

 
LecceUn 28enne
Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

 
Bat
Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

 
Covid news h 24Il virus
Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

 
BrindisiIl caso
Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

 
FoggiaIl caso
Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

 
MateraLa decisione
Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

 

i più letti

Fini rinuncia all'immunità del lodo Alfano e Woodcock rimette querela

Il presidente della Camera Gianfranco Fini rinuncia al Lodo Alfano in riferimento ad un procedimento nei suoi confronti che nasce da una querela Henry John Woodcock per le parole pronunciate dall’ex leader di An a "Porta a Porta" sull'ex pm di Potenza. Appena l'ha appreso, lo stesso Woodcock ha deciso di rimettere la querela nei confronti del presidente della Camera
• Plauso persino dall'Idv: Fini è un galantuomo, non come altri
Fini rinuncia all'immunità del lodo Alfano e Woodcock rimette querela
ROMA – Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha rinunciato allo "scudo" del Lodo Alfano in riferimento ad un procedimento nei suoi confronti che nasce da una querela Henry John Woodcock per le parole pronunciate dall’ex leader di An a "Porta a Porta" sull'ex pm di Potenza. Appena l'ha appreso, lo stesso Woodcock ha deciso di rimettere la querela nei confronti del presidente della Camera.

Era stata Giulia Bongiorno, deputata del Pdl e avvocato del presidente della Camera, in una dichiarazione al quotidiano «Il Fatto», a depositare l’istanza di rinuncia al Lodo da parte di Fini su questo fatto specifico. 

LA VICENDA
La querela per diffamazione presentata dall’ex pm di Potenza Henry John Woodcock (ora in servizio a Napoli) si riferisce ad alcune dichiarazioni fatte da Gianfranco Fini, nel giugno 2006, durante la trasmissione televisiva “Porta a Porta”. 

Parlando di intercettazioni telefoniche, in riferimento all’inchiesta “Vallettopoli”, in cui era coinvolto il suo portavoce, Salvo Sottile (poi condannato in primo grado a otto mesi di reclusione per peculato d’uso), Fini disse che Woodcock era “noto per una certa fantasia investigativa, chiamiamola così”. Poco dopo lo definì “personaggio verso il quale il Csm avrebbe già da tempo dovuto prendere provvedimenti”. Più avanti, replicando all’on. Francesco Rutelli, Fini definì il magistrato potentino “un signore che in un Paese serio avrebbe già cambiato mestiere”. Davanti al gup di Roma, Marina Finiti, dopo la richiesta di rinvio a giudizio del pm Erminio Amelio, l’avvocato di Fini, Giulia Bongiorno, aveva sostenuto che l’uomo politico parlò nella sua veste di parlamentare e ne chiese il proscioglimento. 

Il gup, invece, nella sua ordinanza di invio degli atti alla Camera, definì “non evidenti le ragioni della funzione parlamentare” da parte di Fini al momento della trasmissione. Il procedimento è stato poi sospeso per il lodo Alfano (essendo Fini diventato presidente della Camera), al quale lo stesso Fini ha di recente formalmente rinunciato; ora saranno prima la giunta per le autorizzazioni a procedere di Montecitorio e poi l’Aula della Camera a decidere sull'eventuale insindacabilità delle opinioni espresse da Fini in quanto parlamentare. Il procedimento poi tornerà al gup di Roma per la definizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie