Domenica 17 Gennaio 2021 | 04:08

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

Giordano si difende «Lavoro per Guarino»

Nicola Giordano afferma di essere quasi in credito. Gerardo Vernotico spiega di non avere un euro per sè, figuriamoci per prestarlo ad altri. Matteo Di Palma dice di non voler sentirsi addosso la responsabilità di tutte le cabine telefoniche di Bucaletto. I tre indagati arrestati con l’accusa di essere i finanziatori a Potenza dell’usura gestita dal boss Martorano e fatta ai danni dell’imprenditore Carmine Guarino, rigettano le accuse
Giordano si difende «Lavoro per Guarino»
di Giovanni Rivelli

POTENZA - Nicola Giordano afferma di essere quasi in credito con Guarino. Gerardo Vernotico spiega di non avere un euro per sè, figuriamoci per prestarlo ad altri. Matteo Di Palma dice di non voler sentirsi addosso la responsabilità di tutte le cabine telefoniche di Bucaletto.

I tre indagati arrestati con l’accusa di essere i finanziatori dell’usura gestita dal boss Renato Martorano e fatta ai danni dell’imprenditore Carmine Guarino, insomma, rigettano le accuse. Lo hanno fatto ieri, davanti al collegio del Tribunale del Riesame (presieduto da Lucia Gesummaria e composto Antonio Cantillo e Fausto Del Vecchio) tramite i loro avvocati, Donato Pace e Donatello Cimadomo per Giordano, Savino Murro e lo stesso Pace per Vernotico e Mario Marinelli per Matteo Di Palma.

Le richieste dei legali, che ieri hanno discusso per oltre tre ore, dalle 10.30 alle 13.45, sono in pratica le stesse: nullità dell’ordinanza per assenza dei gravi indizi e mancanza dell’attualità e insussistenza dell’aggravante del contesto mafioso non essendoci nessuna prova del comportamento mafioso o intimidatorio.

Una posizione che hanno contrapposto a quella del Pm Francesco Basentini che, anche ieri, è tornato a battere sulle risultanze delle intercettazioni ambientali dei colloqui tra Guarino e la sua segretaria in cui i nomi dei tre vengono fatti espressamente, sui «pizzini» e gli appunti dle Boss, in cui i tre sarebbero indicati con abbreviazioni, sulle testimonianze dello stesso Guarino e di altri, tra cui Rosario Casillo.

Elementi che i difensori hanno cercato di smontare uno per uno. Così, ad esempio, per l’ing. Giordano, rigettando ogni ipotesi di usura, in aula è balenata l’ipotesi di crediti maturati dal professionista per lavori fatti per la società di Guarino e mai pagati a cui si è sommato un prestito restituito senza interessi. Un creditore, insomma, non un usuraio e, hanno detto i difensori, la prova sarebbe negli stessi dischetti sequestrati a Giordano nel corso della perquisizione.

Quanto a Vernotico, la difesa ha battuto molto sulal sua situazione economica, documentata con procedure in atto che renderebbero manifesta l’indisponibilità di somme da prestare.

La difesa di Di Palma, invece, ha contestato le ipotesi di contatti col boss avvenuti con telefonate dalle cabine telefoniche di Bucaletto (dove Di Palma gestisce un circolo-sala giochi) affermando in modo sintetico che la cabina non è la sua e non possono essere ricondotte automaticamente a lui quelle chiamate.

Ma ci sono stati anche dei temi comuni a più posizioni. Come, ad esempio, la «mancanza di attualità». Per Vernotico lo stesso Guarino fa risalire le accuse a oltre 5 anni fa, e tutti evidenziano come 9 mesi di pedinamenti fatti dai Ros non abbiano prodotto frequentazioni con Martorano che, secondo l’accusa, gestiva il giro e distribuiva gli utili. Utili che, hanno spiegato, anche in caso fossero accertati i prestiti, sarebbero difficile determinare nei tassi, stando l’imprecisione del racconto di Guarino tanto sui prestiti iniziali, tanto sulle cifre pagate, quanto sulle epoche delle operazioni.

Al collegio il compito di valutare atti, fatti e versioni. E la risposta potrebbe arrivare domani con la decisione sulle rischieste difensive.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie