Sabato 16 Gennaio 2021 | 04:28

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Potenza, San Gerardo e il tempietto dimenticato da tutti

di ANGELO LA CAPRA
L’edicola del santo patrono del capoluogo sembra non interessare più a nessuno, a parte qualche devoto che si ostina a cambiare i fiori a piedi del busto marmoreo del santo. Tutt’intorno regna l’incuria con piante desolatamente gialle e rinsecchite, marmi rotti, ornamenti spaccati, catene divelte, sporcizia dilagante
Potenza, San Gerardo e il tempietto dimenticato da tutti
di ANGELO LA CAPRA

POTENZA - Passato il santo passata la festa. Il vecchio adagio popolare fotografa alla perfezione lo stato di degrado e abbandono in cui versa, da quest’estate, il tempietto di San Gerardo, che abbellisce a Potenza il lato sud di passa Matteotti, comunemente detta anche piazza Sed ile. L’edicola del santo patrono del capoluogo sembra non interessare più a nessuno, a parte qualche devoto che si ostina a cambiare i fiori a piedi del busto marmoreo del santo. Tutt’intorno regna l’incuria con piante desolatamente gialle e rinsecchite, marmi rotti, ornamenti spaccati, catene divelte, sporcizia dilagante. 

La realizzazione del tempietto ottocentesco di San Gerardo è attribuita all’artista potentino Antonio Busciolano che terminò l’opera nel 1865 senza però immaginare l’indecorosa fine che avrebbe fatto la sua scultura nei tempi moderni. Nonostante diversi interventi di ristrutturazione che si sono lodevolmente succeduti negli ultimi anni, il tempietto di San Gerardo non se la passa bene anche se sembra l’ultima barriera di protezione per l’ef fige del patrono, altrimenti destinata alla devastazione e all’oltra g gio proprio da parte di quei cittadini dei quali dovrebbe essere il nume tutelare. 

«Chi ‘gne la via ‘dì» al povero San Gerardo, che nel giro di pochi mesi è passato da simbolo dalla città a simbolo del degrado di un centro storico ormai sempre più abbandonato a se stesso. Nel vecchio rione si vive infatti una vera e propria emergenza sociale, aggravata dagli annosi problemi di un traffico che nessuno vuole risolvere sul serio, e dalla insufficienza degli esigui presidi da parte dei tutori dell’ordine nei fine settimana e, in particolare, nelle ore più «rischiose» della notte. 

A tutto questo si aggiungono anche problemi legati alla sporcizia che si riflettono naturalmente sull’aspetto igienico-sanitario: spesso spuntano topi in ogni angolo del borgo antico, l’ultimo dei quali è stato segnalato in corso XVIII agosto. La denuncia dei residenti, però, non è servita ad accelerare l’operazione di rimozione del ratto. Che è rimasto lì per tutta la giornata. I residenti sono esasperati ma non rassegnati e fanno l’occhiolino a San Gerardo sperando che a breve ci possa mettere una pezza anche il vecchio santo patrono, che dal suo osservatorio di marmo non può certo far nulla contro lo scadimento di usi e costumi dei potentini del duemila, ma che potrebbe tentare un ultimo miracolo facendo tornare il centro storico di Potenza se non agli antichi splendori almeno ad una situazione di vivibilità accettabile. San Gerardo, pensaci tu.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie