Mercoledì 03 Marzo 2021 | 07:17

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa nuova sede
Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

 
LecceUn 28enne
Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

 
Bat
Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

 
Covid news h 24Il virus
Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

 
BrindisiIl caso
Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

 
FoggiaIl caso
Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

 
MateraLa decisione
Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

 

i più letti

Atella: bimbi in bici  sotto bus, uno  muore, altro in coma

di ANTONIO PACE 
e GIOVANNI RIVELLI 

Morire a 10 anni, mentre in bicicletta si torna a casa, con un pullman che piomba addosso e non ti lascia scampo. Tragedia della strada, ieri sera, ad Atella, in via Giovanni XXIII, la strada che spacca in due il paese. Un piccolo non ce l’ha fatta ed è morto poco dopo il violento impatto al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Melfi, dove era stato trasportato. Un suo coetaneo compagno di giochi, invece, è in gravi condizioni all’ospedale San Carlo di Potenza. Tutto è avvenuto intorno alle 19.30 (foto Luciano Massari)
Atella: bimbi in bici  sotto bus, uno  muore, altro in coma
di ANTONIO PACE 
e GIOVANNI RIVELLI 

ATELLA - Morire a 10 anni, mentre in bicicletta si torna a casa, con un pullman che piomba addosso e non ti lascia scampo. Tragedia della strada, ieri sera, ad Atella, in via Giovanni XXIII, la strada che spacca in due il paese. Peppino Di Muro, 10 anni, non ce l’ha fatta ed è morto poco dopo il violento impatto al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Melfi, dove era stato trasportato. Un suo coetaneo compagno di giochi, invece, è in gravi condizioni all’ospedale San Carlo di Potenza. 

Tutto è avvenuto intorno alle 19.30. I due stavano giocando con una piccola mountain bike su una strada che porta al centro sportivo del paese, all’al - tezza del tratto terminale del Corso Giovanni XXIII che porta fuori dal paese. Una strada in discesa su cui è facile prendere velocità. Quando i due bambini a bordo della bicicletta hanno iniziato ad attraversare viale Giovanni XXIII si sono incrociati con il pullman di linea della Sita che da Melfi la sera porta fino a Ruvo del Monte facendo sosta nei vari paesi che incontro (Rionero, Atella e San Fele). 
bici sotto autobus
L’autista, condotto in caserma, avrebbe raccontato di aver visto il mezzo a due ruote solo all’ultimo momento uscire a tutta velocità sulla strada che stava percorrendo e di non aver potuto fare nulla per evitare l’impatto. Gli accertamenti dei carabinieri di Melfi, guidati dal Tenente Vincenzo Varriale sono in corso sotto il coordinamento del Pm di Melfi Sofia Anfossi e l’uomo è stato sottoposto agli esami di rito dai quali, a quanto si è saputo, non sarebbe emerso nulla di significativo. 

A Potenza, intanto, il compagno di giochi di Peppino è in coma. I sanitari si sono riservato la prognosi, ma il bambino non sarebbe in condizioni disperate. Lo stato di incoscienza sarebbe stato determinati da due emorragie interne, entrambe ritenute però «non particolarmente allarmanti». In particolare una di queste, che avrebbe creato una sacca di sangue tra cranio e cervello, viene tenuta sotto controllo ma non avrebbe compromesso il tessuto cerebrale ed è stato sottoposto a terapia farmacologica senza che si riscontrasse, al momento, la necessità di intervenire. Per lui l’auspicio è che tutto possa risolversi in un orrendo ricordo. Cosa che, purtroppo non potrà essere per il suo compagno di giochi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie