Domenica 17 Gennaio 2021 | 08:02

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

Melfi, allarme abbandono per la chiesa rupestre

Un buon restauro è ciò di cui ha bisogno la chiesa rupestre che è conosciuta come Madonna delle Spinelle e che, pare, fosse assai cara ai Crociati in partenza per la Terra Santa. La settimana scorsa si è celebrata la ricorrenza annuale e, nel luogo di culto che si trova nell’attuale via Dante Alighieri del rione Valleverde, si sono notati gli ottocento anni di vita che ha l’interno della grotta. Si sono riscontrati, in particolare, i rischi che corre l’affresco della Vergine con Bambino (fotoTucci) 
Melfi, allarme abbandono per la chiesa rupestre
di MARCO TUCCI

MELFI - Ancora un intervento a salvaguardia di otto secoli di storia. È ciò di cui ha bisogno la chiesa rupestre che è conosciuta come Madonna delle Spinelle e che, pare, fosse assai cara ai Crociati in partenza per la Terra Santa. La settimana scorsa si è celebrata la ricorrenza annuale e, nel luogo di culto che si trova nell’attuale via Dante Alighieri del rione Valleverde, si sono notati gli ottocento anni di vita che ha l’interno della grotta. Si sono riscontrati, in particolare, i rischi che corre l’affresco della Vergine con Bambino che, appunto, conferisce il nome alla cappella. Insieme ai luoghi analoghi dello Spirito Santo sul monte Vulture, dei Giaconelli sulle colline immediatamente a ridosso di Melfi e di Santa Margherita presso il cimitero, rappresenta un patrimonio di enorme rilevanza. Racconta infatti don Ciro Guerra che, oltre ad esserne il prete titolare, è il responsabile dei beni culturali ecclesiastici della diocesi guidata dal vescovo Gianfranco Todisco. 

«Sussiste un valore di doppia natura del sito di cui parliamo. Uno strettamente religioso, per la devozione specifica che in tanti dimostrano andandoci a pregare assiduamente e, soprattutto, la domenica pomeriggio a cura di pie donne che ci tengono molto. Uno artistico, poi, grazie all’alta qualità del dipinto con caratteri tipicamente medievali ed ascendenze di ispirazione bizantina. Purtroppo - prosegue il sacerdote che guida la parrocchia del Sacro Cuore - l’affresco che raffigura Maria con ai piedi l’Abate Leone è veramente deteriorato a causa di infiltrazioni di umido e dell’incidenza di muschi e licheni che, tra l’altro, hanno pure provocato la caduta del pigmento cromatico, con forte rischio di dissolvimento, in assenza di rimedi anche urgenti».
chiesa rupestre a Melfi
Insomma, serve che si ponga mano al manufatto che, originariamente, era a tre navate e che già in passato, per l’azione dell’acqua, ha subito il crollo di parte della volta, salvando a malapena piccole colonne e nicchie dell’ingresso. «Da mesi ho inviato dettagliata nota alla Soprintendenza competente ed all’Amministrazione comunale - conclude don Ciro - e, per via breve, mi è stato garantito interesse al caso. Adesso è davvero il momento di non attendere ulteriormente». 

L’appello, senza dubbio, è girato a tutti gli Enti che devono mettere in atto le azioni necessarie per salvaguardare questo inestimabile tesoro. L’esempio può arrivare dall’attivismo mostrato dai volontari della sede melfitana dell’Archeoclub d’Italia che, insieme all’associazione Compagnia della Terra Nova, hanno ottenuto venticinquemila euro dalla Fondazione Banco di Napoli per il restauro conservativo di grotte affrescate di recente scoperta. «Ma ciò che più conta - dicono i giovani appassionati locali - è che le maglie della burocrazia non intralcino oltremodo l’iter utile a sbloccare gli interventi di qualunque tipo, contemporaneamente alla massima collaborazione di coloro che conoscono le situazione ed i modi per mettere al riparo le opere da qualsiasi rischio». A Melfi, insomma, c’è fermento per il recupero della memoria storica. Indispensabile, però, la disponibilità di chiunque abbia i mezzi per favorirne la conservazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie