Sabato 16 Gennaio 2021 | 07:19

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Enel: centrale Mercure è compatibile con l'ambiente

Secondo l'Enel il suo progetto di riconversione della centrale elettrica del Mercure, al confine tra la Basilicata e la Calabria, è «pienamente compatibile con l’ambiente», perciò il colosso energetico annuncia «azioni legali nei confronti di tutti coloro che illegittimamente stanno ostacolando le procedure autorizzative e la messa in esercizio dell’impianto»
Enel: centrale Mercure è compatibile con l'ambiente
POTENZA – Il progetto dell’Enel per la centrale elettrica del Mercure, al confine tra la Basilicata e la Calabria, è «pienamente compatibile con l’ambiente» poichè il processo di riconversione della struttura prevede la diminuzione della potenza da 150 a 35 Megawatt, l’utilizzo di fonti rinnovabili (la biomassa vergine) e l’installazione di tecnologie che permettono la riduzione delle emissioni di dieci volte rispetto all’impianto originario. È quanto ha reso noto l'Enel, in un comunicato, evidenziando che la centrale contribuisce al raggiungimento degli impegni previsti dal protocollo di Kyoto e alla riduzione del deficit energetico nazionale e lucano, oltre a garantire occupazione nell’indotto.

La proposta di riconversione risale agli anni Novanta: sul progetto presentato dall’Enel si sono «espresse favorevolmente e in più procedimenti tutte le autorità e le istituzioni competenti» tra cui, il 30 luglio, la Conferenza dei servizi, durante la quale è stata stabilita l’impossibilità di bruciare rifiuti nella struttura. E' perciò «sconcertante», è scritto nella nota, che si creino «immotivati allarmismi ambientali», e che «la compatibilità dell’impianto con il territorio sia messa in discussione» solo dopo «investimenti di decine di milioni di euro». 

L’Enel ha infine annunciato «azioni legali nei confronti di tutti coloro che illegittimamente stanno ostacolando le procedure autorizzative e la messa in esercizio dell’impianto».

PARCO POLLINO: TAVOLO URGENTE SU CENTRALE MERCURE
Il presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, ha inviato una lettera ai Prefetti di Potenza e di Cosenza per chiedere “di attivare con urgenza un incontro tra i rappresentanti istituzionali degli enti coinvolti nel procedimento” per la riconversione della centrale elettrica del Mercure. Il tavolo, ha detto in una nota Pappaterra, è necessario per trovare soluzioni in grado “di evitare che le popolazioni contrarie alla riapertura dell’impianto riprendano forme di lotta, che a oggi si sono indirizzate esclusivamente nei confronti del Parco, ma che in futuro potrebbero estendersi anche ad altre istituzioni”. 

Il presidente dell’area protetta ha chiesto che all’incontro possano partecipare anche i ministeri dell’Ambiente e del Welfare: il Parco, ha aggiunto Pappaterra, “non può essere lasciato solo, così come è accaduto in questi ultimi giorni, e ogni ente è chiamato ad assumersi le sue responsabilità”, anche nell’ottica dei 45 giorni di sospensione del parere favorevole alla riconversione della centrale stabiliti dal consiglio direttivo del Parco lo scorso 11 agosto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie