Sabato 06 Marzo 2021 | 13:17

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCon la «Uno bianca»
Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

 
Foggianel foggiano
Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

 
PotenzaIndustria
Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

 
LecceDia
Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

Ex-Liquichimica, salta la bonifica: a rischio l'acqua lucana

di GIOVANNI RIVELLI
L'ultima nota del Ministero dell'Ambiente denunciava il cattivo stato di conservazione della pellicola in polietilene in cui i «veleni» sono ingabbiati e il rischio che l'inquinamento giunga tramite il torrente Tora a inquinare anche il Basento. Ma bonificare 210mila metri cubi di materiale non è uno scherzo. E i fondi a disposizione non bastano manco ad avviare l'opera
Ex-Liquichimica, salta la bonifica: a rischio l'acqua lucana
POTENZA - Il Ministero dell’Ambiente dà l’ultimatum per avviare la bonifica dell’area dell’ex Liquichimica, a partire da quella «bomba» che sono i fanghi stipati nella «vasca fosfogessi». Dieci i giorni per avviare a soluzione la questione (come riportato dalla Gazzetta la scorsa settimana) ma poche illusioni: i soldi non ci sono. La bonifica, insomma non si farà. Almeno per ora. Il problema più grande, per la bonifica del sito, sembra essere proprio quella vasca di fosfogessi che pure sembra essere stato l’elemento trascurato in tutti questi anni. 

«L’esplicita richiesta di bonifica della vasca fosfogessi, per la quale l’Asi si è già attivato - spiegano dal Consorzio - risale solo al 30 luglio scorso con la nota ministeriale inviata al Consorzio». Eppure quello è il problema che sembra più grande. Proprio l’ultima nota del Ministero denunciava il cattivo stato di conservazione della pellicola in polietilene in cui i «veleni» sono ingabbiati e il rischio che l’inquinamento giunga tramite il torrente Tora a inquinare anche il Basento. Ma bonificare 210mila metri cubi di materiale non è uno scherzo. 

«In Basilicata -spiega il commissario del Consorzio Ernesto Navazio alla Gazzetta - non esiste una discarica in grado di smaltire tutto quel materiale. O bisogna inviarlo fuori o bisogna autorizzare l’ampliamento di un impianto». Ma neanche questo problema sembra essere all’ordine del giorno. E questo sempre per la mancanza di fondi. 

Al momento, alla bonifica dell’area di Tito Scalo «sito inquinato di rilevanza nazionale» sono stati assegnati 2,5 milioni di euro dal Ministero. A conti fatti sarebbero proprio quelli necessari per bonificare le acque di falda, che presentano in particolare valori oltre soglia di Manganese e del cancerogeno Tricloroetilene. Ma di quei soldi, effettivamente, è arrivato un solo milione che se n’è andato nelle prime operazione di «caratterizzazione» (il rilievo dello stato del sito) e altre attività, come la bonifica dai materiali contenenti amianto. Il resto, insomma, è tutto da fare. 

E quando si dice il resto si dice la bonifica delle acque di falda e lo svuotamento della vasca fosfogessi. La prima questione è quella che richiede tempi più lunghi, ma al tempo stesso, somme più contenute. Due milioni e mezzo di euro, come già detto, con le acque di falda che vanno pompate in superficie per un lungo periodo, custodite in barili e processate come rifiuti speciali. Tempo necessario, 5 o 6 anni, ma servono finanziamenti continui, perchè se il processo si interrompesse si ritornerebbe punto e a capo. 

Più veloce, ma più costosa, la bonifica della vasca dei fosfogessi. Stando alle stime del consorzio servono 8 milioni di euro e un paio di anni. Se tutto va bene. Perchè fino in fondo, in quei grandi sigari di polietilene portati alla luce da un’inchiesta del Pm Henry John Woodcock con la polizia Provinciale del tenente Giuseppe Di Bello, nessuno sa fino in fondo cosa ci sia. La stima è riferita al tipo di materiale emerso dai sondaggi fatti, ma se i valori (ad esempio quello della radioattività connessa ai fosfogessi), in corso d’opera dovesse rivelarsi diverso, i costi, i tempi e le difficoltà potrebbero lievitare. Al momento di tutti questo soldi non c’è un centesimo. E, così, l’ultimatum sembra destinato restare lettera morta.
di GIOVANNI RIVELLI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie