Domenica 24 Gennaio 2021 | 08:10

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariBurrasca in arrivo
Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

 
BrindisiIl caso
Presunti abusi al porto di Brindisi: 12 richieste a processo

Presunti abusi edilizi nel porto di Brindisi: chiesto il processo per 12 persone

 
LeccePuglia, cinema e tv
Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

 
TarantoIl caso
Taranto, poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati medici

Poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati i medici

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

Marsiconuovo: «Prima l'ambiente, poi il petrolio»

E' la risposta del comune lucano alla proposta dell'Eni di perforare nel «Pozzo Pergola 1» in località San Vito. «Non ci interessa dire si o no al petrolio – spiega il sindaco Domenico Vita – ma sottolineare che qualsiasi azione da fare sul territorio deve rispettare ambiente e salute dei cittadini. Abbiamo dunque espresso alcune perplessità sullo studio dell’Eni circa le azioni da intraprendere per evitare impatti ambientali e sulla salute, coinvolgendo geologi ed esperti del Cnr e dell’associazione Area Sud».  
Marsiconuovo: «Prima l'ambiente, poi il petrolio»
MARSICONUOVO - Marsiconuovo torna ad essere territorio appetibile per le multinazionali del petrolio e il Comune acconsente purché si tutelino ambiente e salute dei cittadini. L’Eni ha presentato uno studio sulla possibilità di perforazione del «Pozzo Pergola 1» in località San Vito e in risposta il Comune ha voluto inserire ulteriori garanzie. Queste sono state presentate in consiglio comunale e saranno sottoposte alla Regione il 28 agosto quando si dovrà arrivare ad un documento unico sintetizzando quelli dell’Eni e del Comune. 

«Non ci interessa dire si o no al petrolio – spiega il sindaco Domenico Vita – ma sottolineare che qualsiasi azione da fare sul territorio deve rispettare ambiente e salute dei cittadini. Abbiamo dunque espresso alcune perplessità sullo studio dell’Eni circa le azioni da intraprendere per evitare impatti ambientali e sulla salute, coinvolgendo geologi ed esperti del Cnr e dell’associazione Area Sud». 
Si chiede, tra le altre cose, che il nascente osservatorio ambientale di Marsico monitori sistematicamente la zona interessata e quelle limitrofe, che si controllino le tracce delle perforazioni, le falde acquifere, l’aria, il fango e che l’Eni trasmetta al Comune un piano di emergenza e di comunicazione efficace. Tutte misure prese a vantaggio della comunità, ma che quest’ultima insieme alla minoranza, non ha inteso come una forma di tutela del territorio bensì come una svendita dello stesso. Si reclamano informazioni dettagliate e coinvolgimento nelle decisioni. 

«A Pergola – dice un residente – sono giunte poche informazioni sul progetto, inoltre come comunità direttamente interessata vorremmo poter dire che a noi il petrolio non interessa perché ci sono troppe ricadute rispetto alle royalty che comunque non hanno effetti sui cittadini». «La concessione in esame - dice Raffaele Votta, capogruppo Pd uscito dalla giunta - è quella più vicina alla c.da S. Vito a circa 700 dalle abitazioni. La preoccupazione della contrada è legittima e all’Eni bisogna chiedere come avverrà la programmazione, se il pozzo in caso fosse produttivo sarà subito utilizzato e da dove avverrà lo spostamento del greggio». 

Per altri invece la discussione deve essere un’altra.«La posizione del Comune - ammonisce Giovanni Votta, capogruppo minoranza non è chiara: bisogna dire se si è a favore o meno dei pozzi. Si tratta di decidere se vogliamo utilizzare il nostro territorio secondo il modo dell’Eni oppure dire che non si è favorevoli a ulteriori perforazioni perché fin’ora non ne abbiamo ricavato nulla». L’aspetto più critico è però quello ambientale. «Si sta commettendo nuovamente l’errore di valutare l’effetto di un solo pozzosottolinea Antonio Bavusi della “Ola”».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie