Martedì 26 Gennaio 2021 | 23:43

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

i più letti

Nessuno visita il planetario di Anzi (Potenza)

di ROCCO NIGRO
Nessun decollo turistico per il «planetario» di Anzi. A distanza di circa un anno dal taglio del nastro e dai festeggiamenti in «pompa magna», questa imponente struttura in cemento armato, con volte in argento luccicante, in netta contraddizione con l'ambiente circostante fatto di roccia, resta al palo. Realizzato sul Monte Siri a quota 1067 metri con 400mila euro di investimento, è snobbato dal turismo e dalle scolaresche
Nessuno visita il planetario di Anzi (Potenza)
ANZI - Sta per tornare la notte di San Lorenzo, quella delle stelle cadenti, e sempre più spesso strane presenze sono state avvistate anche nei nostri cieli. Si guarda il cielo sempre più spesso. Anche da Anzi. Da lontano sembra una moschea. E, invece, nelle intenzioni doveva rappresentare un punto di riferimento a livello scientifico, in grado di attrarre interesse e attenzione dei visitatori. Nessun decollo turistico per il «planetario» di Anzi. A distanza di circa un anno dal taglio del nastro e dai festeggiamenti in «pompa magna», questa imponente struttura in cemento armato, con volte in argento luccicante, in netta contraddizione con l’ambiente circostante fatto di roccia, resta al palo. 

Eppure, per gli ideatori del progetto, il Piano d’Azione Pit Camastra-Alto Basento (Piani Integrati Territoriali) che hanno voluto realizzare questa struttura con una spesa di circa 400 mila euro, essa doveva rappresentare un’occasione di crescita economica per la debole economia del posto. Purtroppo non è stato così. Almeno sino ad oggi. Su questa suggestiva parte dell’abitato, siamo sul Monte Siri a quota 1067 metri, pochissimi e sporadici sono i visitatori che hanno potuto apprezzare questa struttura. Come pure le scolaresche, i primi soggetti per i quali è stato ideato il progetto. Sia esse regionali che limitrofe alla stessa regione Basilicata. 

Ma l’aspetto più increscioso di questo che, per molti aspetti rischia di diventare l’ennesimo fallimento è che quasi nessuna scuola ha espresso il desiderio di visitare questa bella struttura. Una delle poche presenti nel Mezzogiorno d’Italia, la quale con il suo strumento ottico puntato sul cosmo, riesce a riprodurre in maniera piuttosto realistico su una volta una serie di accadimenti e fenomeni astronomici. È pur vero che, da solo, un planetario non può reggere un turismo di massa ma, insieme al presepe poliscenico, anche questo una delle pochissime strutture realizzate nel Mezzogiorno d’Italia e ad altre bellezze, architettoniche artistiche, presente sul territorio può rappresentare un tentativo per misurarsi su quanto si è capace di creare sviluppo. Quello reale, non quello fatto di parole. 

Da qui la necessità di rimboccarsi le maniche e mettere in atto una consolidata strategia di marketing e di comunicazione capace di far risalire la corrente. Prima che sia troppo tardi. Il planetario di Anzi (o meglio, quello che dovrebbe essere un planetario) è uno strumento ottico - informatico che puntato sul cosmo riproduce in maniera piuttosto realistico su una volta una serie di accadimenti e fenomeni astronomici. 

L’opera, progettata dall’architetto potentino Roberto Logiudice, è costata alle casse dell’ente, come dicevamo, circa 400 mila euro e secondo le intenzioni dell’amministrazione comunale, insieme al presepe poliscenico e all’arte religiosa, dovrà rappresentare un’occasione di sostegno alla già debole economia locale. Un planetario, realizzato in vetta al monte Siri, che aspetta di poter ospitare qualche scolaresca curiosa.
ROCCO NIGRO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie