Martedì 09 Marzo 2021 | 12:20

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Surbo, il sindaco, ricercatore universitario, «cede» il suo vaccino a un cittadino fragile

Surbo, il sindaco, ricercatore universitario, «cede» il suo vaccino a un cittadino fragile

 
BariLa decisione
Bari, al Policlinico arrivano autocertificazioni per i furbetti del vaccino Covid

Bari, al Policlinico arrivano autocertificazioni per i furbetti del vaccino Covid

 
PotenzaCinema
Potenza, ciak del film «La notte più lunga dell'anno», nel cast anche Ambra

Potenza, ciak del film «La notte più lunga dell'anno», nel cast anche Ambra

 
FoggiaL'episodio
Rubati 200 pneumatici da tir in autostrada nel Foggiano, recuperati a Cerignola

Rubati 200 pneumatici da tir in autostrada nel Foggiano, recuperati a Cerignola

 
TarantoNel tarantino
«Se non torni con me ti sfiguro con l'acido», arrestato 24enne a Statte

«Se non torni con me ti sfiguro con l'acido», arrestato 24enne a Statte

 
BrindisiL'operazione
Droga e furti d'auto nel Salento: 8 arresti tra Brindisi e Lecce

Droga e furti d'auto nel Salento: 8 arresti, coinvolta anche la Scu VIDEO

 
MateraIl caso
Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

 
BatIl caso
Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

 

i più letti

Il pm: per dipendenti Regione Basilicata truffa e peculato

Secondo il sostituto procuratore della Repubblica di Potenza, Henry John Woodcock,  cinque dipendenti dell'ufficio di rappresentanza a Roma della Regione Basilicata, durante l'orario d'ufficio andavano dal barbiere o facevano shopping, timbrando a turno – uno per tutti – i "badge" marcatempo. Inoltre ci sarebbe peculato per via dell'uso indebito dei telefoni dell'ufficio per chiamate personali e private. In alcuni casi, lunghe telefonate "mute" sarebbero state fatte ai cellulari di parenti, al solo scopo di ricaricarne il credito telefonico
Il pm: per dipendenti Regione Basilicata truffa e peculato
ROMA - Li hanno pedinati e fotografati dal barbiere, mentre compravano pesce al mercato, durante lo shopping in un negozio di calzature: il tutto in orario d’ufficio, grazie alla timbratura dei cartellini magnetici «cui provvedeva il complice che a turno veniva investito dell’incombenza». 

Protagonisti cinque dipendenti dell’Ufficio di rappresentanza a Roma della Regione Basilicata, nei cui confronti le indagini si sono concluse ed è ora imminente la richiesta di rinvio a giudizio per truffa e peculato. Secondo il sostituto procuratore della Repubblica di Potenza, Henry John Woodcock, quello messo a punto era un sistema truffaldino ben oliato e efficiente, un modo per procurarsi «un ingiusto profitto – si legge nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari – rappresentato dal monte ore indebitamente retribuitogli dalla pubblica amministrazione, arrecando un corrispondente danno economico alla Regione Basilicata». 

Un «assenteismo sistematico», sostengono gli investigatori. E alla truffa, sempre secondo l’accusa, si aggiunge il peculato, per l’uso indebito delle utenze telefoniche dell’ufficio di rappresentanza, che sarebbero state utilizzate «in modo assolutamente sistematico, ripetuto e continuativo, per chiamate personali e private pari ad oltre l’88% del complessivo ammontare delle bollette pagate dalla Regione Basilicata», che anche in questo caso è parte offesa. Insomma, scrivono gli investigatori, tutto «come in una sorta di phone center gratuito», aperto anche ad amici e parenti. 

E perfino all’addetto delle pulizie, la cui moglie avrebbe fatto «lunghe e costose» telefonate ai suoi in Sudamerica. In alcuni casi – secondo le indagini condotte dai carabinieri del Noe del colonnello Sergio De Caprio (il «capitano Ultimo» che arrestò Riina), dalla squadra mobile e dalla polizia municipale di Potenza – venivano fatte telefonate «mute» ai cellulari dei familiari, o al proprio, al solo scopo di ricaricare il credito telefonico. 

Questa è una delle intercettazioni che lo proverebbe.
A: C'avevi tutto occupato prima.. 
B: E sì, mi sono caricata una ventina di minuti. 

Gli impiegati per i quali Woodcock si accinge a chiedere il rinvio a giudizio, per concorso in truffa e peculato, sono Pasqualina Gravela, Maddalena Ferraiuolo, Antonio Grassi, Nicola Mario Padula e Rosario Golia per concorso in truffa e per peculato. Avviso di conclusione indagini anche per Mario Araneo, un collaboratore esterno del presidente della Regione Basilicata Vito De Filippo, accusato di peculato sempre per l’uso indebito dei telefoni dell’uffici di rappresentanza romani. 

Nel corso delle indagini i dipendenti della Regione sono stati pedinati e filmati, anche con una telecamera nascosta, mentre timbravano i cartellini degli altri e mentre lasciavano l'ufficio, per andare a sbarbarsi con l’auto di servizio, a fare compere o tornarsene a casa, anche ore prima rispetto al dovuto. Capita anche che qualcuno timbri la mattina per un collega, che però aveva deciso di restare a casa perchè malato. 

Questo il colloquio tra i due dipendenti, intercettato. 
A: E però, mò, io che devo fare se ho timbrato? Timbro? 
B: Ah! Hai già timbrato?
A: Eh, sì! 
B: Ah! Va bè! Vengo: non ti preoccupare. 
A: Eh no! Perchè devi venire... Scusami tanto. Ritimbro! 

Le intercettazioni, poi, avrebbero provato il carattere privato della maggior parte delle telefonate fatte dall’ufficio, come quelle al contadino che ha macellato il maiale («mi fai cinque chili piccanti e cinque dolci...»). Nel caso di Araneo, poi, sono state anche documentate, scrivono gli investigatori, chiamate «col veggente di fiducia per esplorare il favore degli astri» o per partecipare alla trasmissione televisiva dei «pacchi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie