Domenica 24 Gennaio 2021 | 22:35

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Foggiala tragedia
San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: due le persone morte

San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: il bilancio è di due morti

 
Leccela polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 
MateraIl mistero
Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 

i più letti

Regione Basilicata il giorno della manovra d’estate

di MASSIMO BRANCATI
Oggi dovrebbe approdare in consiglio regionale il disegno di legge sull’assestamento di bilancio. Si tratta di un movimento finanziario di circa 4 miliardi di euro. Previsto un incremento del 13 per cento rispetto al 2008, ma non mancano le polemiche. Tra gli emendamenti spunta anche un contributo speciale alla Caritas per fronteggiare l’emergenza povertà
Regione Basilicata il giorno della manovra d’estate
di MASSIMO BRANCATI 

Oggi dovrebbe approdare in consiglio regionale il disegno di legge sull’assestamento di bilancio. Dopo il rinvio deciso dai capigruppo e motivato con la necessità di chiarire i vari punti inseriti nella «manovra d’estate», l’assemblea è chiamata a votare il documento. Ma non è scontata la discussione: la complessità delle norme, l’annunciata ondata di emendamenti e le proteste dei consiglieri del centrodestra che hanno abbandonato i lavori della seconda commissione («la maggioranza non ci dà le carte») potrebbero determinare un nuovo «nulla di fatto». Anche perché gli stessi esponenti di minoranza hanno chiesto di annullare gli atti della seconda commissione consiliare, quella competente in materia di bilancio, da cui si sono dimessi perché ritengono insufficiente il tempo a disposizione per esaminare i contenuti del bilancio. 

«Ci è stato impedito - dicono i consiglieri Pagliuca, Tisci, Lapenna, Falotico, Mattia, Napoli e Mollica - di svolgere il nostro compito di controllo sugli atti del governo». Tanti i punti da chiarire: dal patrimonio della Sel alla spesa del personale di Acquedotto Lucano, dalle perdite di Metapontum Agrobios alle situazioni nell’Ardsu e nell’Arbea. «L’impossibilità di avere informazioni su questi temi - concludono i consiglieri - ci ha costretto a lasciare la commissione che evidentemente ha perso ragione di esistere». In termini contabili la manovra di assestamento, lo ricordiamo, prevede un movimento di circa 4 miliardi di euro. Complessivamente le risorse disponibili nell’esercizio 2009 passano da 3 miliardi e 544 milioni a 4 miliardi e 24 milioni con un incremento del 13 per cento. Nell’esercizio 2008 l’assestamento registrava una manovra in aumento del 6 per cento. 

Nel documento c’è un avanzamento di amministrazione, al 31 dicembre 2008, di circa 834 milioni di euro che viene rideterminato in 1 miliardo e 35 milioni sulla base delle risultanze del rendiconto generale d’esercizio. Il fondo di cassa ammonta a 382 milioni e 366 mila euro, aggiornato a quasi 612 milioni di euro. Il disegno di legge di assestamento prevede anche un incremento dei mutui da contrarre a altre forme di prestito. La rideterminazione della spesa per investimenti è dovuto principalmente a un aumento delle risorse pari a 1 milione e 500mila euro per oneri derivanti dall’acquisto di edifici adibiti a uffici regionali oltre al completamento dell’aula consiliare. 

Altri elementi che concorrono alla rideterminazione della spesa riguardano il rinnovo degli impianti e del materiale rotabile di Trenitalia (1 milione); interventi di somma urgenza e sistemazione di opere pubbliche (700 mila); aggiornamento dell’importo finanziato tramite indebitamento per investimenti destinati al Senisese; decremento delle risorse, tramite indebitamento di 1 milione e 325mila euro relativamente al piano regionale di viabilità; calo della spesa di manutenzione del patrimonio di competenza del 2009. Il limite massimo di indebitamento per l’esercizio 2009 viene modificato da 105 milioni e 327mila a 148 milioni e 763mila di cui 3 milioni e 800mila per il 2009. Tra gli articoli che compongono il bilancio di assestamento da segnalare l’incremento del contributo per le spese di funzionamento dell’Arbea (1 milione e 200mila euro). 

Con l’articolo 12 la Regione (la Gazzetta ne ha riferito domenica scorsa) riconosce un sussidio unatantum ai soggetti proprietari di immobili che si trovano vicino al centro olii di Viggiano. Su questo punto c’è già il voto negativo del centrodestra che paventa il rischio di una discriminazione nei confronti di chi vive a poca distanza da altri «pericoli ecologici» come Fenice. L’articolo 13 autorizza, per un importo massimo di 5 milioni di euro, la spesa per l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di edifici da adibire a uffici regionali. Attraverso l’articolo 14 si autorizza l’Arpab all’acquisto di una sede a Matera per un importo massimo di 4 milioni di euro mediante contrazione di mutuo le cui rate di ammortamento saranno a carico del bilancio regionale per un limite d’impegno massimo annuo di 300 mila euro con una durata ventennale. 

Fioccano già i primi emendamenti. Tra i più «attivi» c’è il consigliere Franco Mollica che chiede di prevedere uno stanziamento di 2 milioni di euro a favore della Caritas regionale «al fine di contrastare i fenomeni di povertà e di disagio sociale acuiti dalla crisi finanziaria che ha colpito anche la regione Basilicata». Nell’illustrare l’emendamento, il consigliere precisa che anche sulla base dei dati forniti dal Cnel e dall’Istat, si rende necessario implementare l’azione che la Caritas regionale svolge quotidianamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie