Sabato 16 Gennaio 2021 | 01:22

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Lagonegro: mal di denti fatale morì ragazzo, condannati medici

Ieri si è concluso il processo nei riguardi dei cinque medici finiti alla sbarra: un dentista, un odontoiatra e tre medici di pronto soccorso. Per il tribunale soltanto tre di loro sono da ritenersi responsabili per la morte di Antonio De Marco di 19 anni avvenuta nel 2004. Si tratta di Tommaso Ferrari, Maria Stumpo e Nicola Peccerillo, medici del pronto soccorso di tre ospedali diversi: Castrovillari, Praia a Mare e Mormanno. Il giudice ha, invece, assolto il dentista Vincenzo Guido, di Rotonda, e l’odontoiatra Federico Cava, in servizio, all’epoca dei fatti presso la clinica San Luca di Praia a Mare
Lagonegro: mal di denti fatale morì ragazzo, condannati medici
di PINO PERCIANTE 

LAGONEGRO - «Avete ucciso mio figlio». L’urlo di rabbia di Maddalena Tedesco all’uscita dal tribunale, all’indirizzo di alcuni medici che hanno assistito alla lettura della sentenza. Il giudice monocratico, Claudio Scorza, ha pronunciato tre condanne e due assoluzioni per la morte di Antonio, figlio della signora Maddalena. Il volto di Maddalena è scavato dal dolore, un dolore aumentato giorno dopo giorno dal quel maledetto 15 luglio 2004 quando suo figlio Antonio, appena 19 enne, morì per una mediastinite acuta causata da un ascesso dentario non inciso dai medici che ebbero in cura il giovane di Rotonda. Da quel giorno la signora Maddalena e suo marito, Domenico De Marco, non hanno mai smesso di chiedere giustizia. 

Ieri si è concluso il processo nei riguardi dei cinque medici finiti alla sbarra: un dentista, un odontoiatra e tre medici di pronto soccorso. Per il tribunale soltanto tre di loro sono da ritenersi responsabili per la morte di Antonio De Marco. Si tratta di Tommaso Ferrari, Maria Stumpo e Nicola Peccerillo, medici del pronto soccorso di tre ospedali diversi: Castrovillari, Praia a Mare e Mormanno. Il giudice ha, invece, assolto il dentista Vincenzo Guido, di Rotonda, e l’odontoiatra Federico Cava, in servizio, all’epoca dei fatti presso la clinica San Luca di Praia a Mare. 
Ferrari, Stumpo e Peccerillo sono stati condannati a 1 anno e 8 mesi di reclusione ciascuno (pena condonata). Un sentenza che non ha soddisfatto i genitori del povero Antonio che si aspettavano la condanna di tutti i medici. Sia Ferrari, che la Stumpo e Peccerillo, assieme al responsabile civile Asp Regione Calabria, in persona del suo direttore generale, sono stati, poi, condannati al risarcimento dei danni nei confronti delle parti civili nonché al pagamento di un «acconto» di 45mila euro ciascuno a Domenico De Marco e Maddalena Tedesco, e di 20mila euro in favore di Francesca De Marco, sorella di Antonio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie